Misure ed estetica dell’organo maschile: ecco cosa giudicano le donne

0
3096
pene, misure del pene, lunghezza del pene, larghezza del pene
Misure e aspetto del pene: quanto sono importanti per le donne?

Le misure sono importanti? Cos’è che conta, esattamente, nell’aspetto di un pene? Quanto deve essere lungo e largo? Quale importanza attribuiscono le donne a misure e peluria?

Queste domande, che si ripropongono puntualmente negli spogliatoi delle palestre e dei campi sportivi, tormentano da sempre gli uomini, alle prese con confronti tra simili e con sfide improbabili. Ebbene, questo quesito ha ricevuto forse una prima risposta attendibile dai risultati dello studio “What is a Good Looking Penis? How Women Rate the Penile Appearance of Men with Surgically Corrected Hypospadias” condotto nell’ospedale di Zurigo e pubblicato in questi giorni sul Journal of Sexual Medicine. E l’esito della ricerca è piuttosto sorprendente.

UNA VALUTAZIONE SULLA CHIRURGIA DELLA IPOSPADIA

Alla base di questo studio, vi è una rara malformazione del sistema riproduttivo chiamata ipospadia (basta fare una ricerca su Google per accedere a foto esplicite). Si tratta di uomini che soffrono del posizionamento anomalo del meato urinario (il piccolo foro utilizzato per urinare) non sulla punta del glande, ma sul fronte del pene o addirittura alla sua base vicino scroto. Il difetto si può eliminare chirurgicamente ma può lasciare il paziente complessato per un pene che non avrebbe un aspetto del tutto normale.

E’ per valutare come questi peni sono percepiti dalle donne che i ricercatori dell’University Children’s Hospital Zurich di Zurigo hanno chiesto a 105 di loro, di tutte le età, di valutare le foto dell’organo. Parte delle immagini sottoposte riguardavano uomini che avevano avuto un intervento chirurgico per correggere l’ipospadia, gli altri erano classici. Per ciascuna asta erano richieste otto tipi di valutazione in ordine di importanza tra loro: aspetto estetico, peluria, pelle, scroto, la forma del glande, il meato, lo spessore e lunghezza del pene.

Un’altra patologia che deturpa l’aspetto del pene è la Malattia di La Peyronie QUI DESCRITTA che, pur essendone sconosciuta l’eziopatologia, ha importanti ausilii terapeutici.

LA LUNGHEZZA CONTA MOLTO POCO

Quale deve essere la lunghezza del pene ideale e quanto è importante la sua larghezza – Ed ecco la risposta che quasi certamente il lettore (o la lettrice) attende fin dall’inizio dell’articolo: sono stati considerati come importanti sotto il profilo estetico la pelle e la peluria, mentre si ritrovano nella parte inferiore della tabella l’aspetto dello scroto, la lunghezza del pene e, buon ultimo, il tipo di meato.
Il risultato conforta gli autori dello studio: anche se per loro stessa ammissione, il valore statistico del lavoro è limitato perchè coinvolge solo 105 donne, emerge che l’aspetto e la posizione del meato hanno ben poca importanza e che un pene che ha subito un intervento di correzione dell’ipospadia è considerato pressappoco normale.

LUNGHEZZA E CIRCONFERENZA DEL PENE

Una ricerca condotta dai medici del King College London di Londra, invece, ha preso in considerazione ben 17 studi su più di 15mila maschi per stilare il range di normalità nelle misure del pene a riposo ed in erezione. In quello studio la lunghezza media del pene varia da 9,16 centimetri (cm) a 13,24 cm a seconda se rispettivamente a riposo o allungato. Nella fase di erezione, la sua lunghezza media è di 13,12 centimetri. La circonferenza del pene, sempre di media, passa da 9,31 cm a riposo a 11,66 in erezione.“Suggeriamo ai pazienti e ai loro genitori di essere a conoscenza di questi risultati per prevenire ogni complesso” sostengono i ricercatori di Zurigo riguardo all’ipospadia. La pornografia, senza essere a conoscenza del range di normalità rispetto a circonferenza e lunghezza del pene, rischia di creare grossi danni e insicurezze tra gli adolescenti.

GLI “AIUTINI” NATURALI

Dalla notte dei tempi l’uomo ha cercato soluzioni per offrire prestazioni sessuali soddisfacenti per sè e per la partner. Ecco dunque il grande successo riportato dai farmaci che aiutano nella disfunzione erettile come Viagra, Cialis, Levitra, Vitaros e Erexon, oppure di quei prodotti ritardanti nell’eiaculazione precoce come il Luan, il Priligy e, di prossima uscita, il Fortacin spray. Provengono, invece, dalla medicina tradizionale di popoli antichi e ancora oggi si rivelano efficaci gli estratti da erbe e piante naturali. E’ il caso della Maca Peruviana Biologica in Capsule da 500mg (180 capsule)che ha origini nelle popolazioni andine, proposta anche con integratori che danno energia sessuale in questa formula: Maca in capsule ad alte dosi di 4000 mg + L-Arginina 1800 mg + vitamine + zinco, 240 capsule per 2 mesi,. Appartiene alla tradizione brasiliana e caraibica, invece, il Integratore Anderson Guarana (60 cps) Formulazione Forte – Eccitante – Afrodisiaco – Erezione – Impotenza. Cinesi e coreani per implementare le performance sessuali impiegano da secoli Panax Ginseng rosso (Ginseng Koreano) 90 capsule bio contro la disfunzione erettile per l’incremento delle prestazioni fisiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here