Gonartrosi rimedi e cure

0
489

La gonartrosi è l’osteoartrosi del ginocchio. È un danno articolare cronico che si verifica nel ginocchio ed è caratterizzato dalla distruzione della cartilagine. Di solito sono colpite entrambe le ginocchia ed è molto debilitante e dolorosa. Si diagnostica con una risonanza magnetica del ginocchio.

Si stima che questa patologia riguardi il 3% della popolazione prima dei 45 anni, il 65% dopo i 65 anni e l’80% dopo gli 80 anni. L’osteoartrite può verificarsi a diversi livelli nel corpo. L’osteoartrosi del ginocchio, gonartrosi, rappresenterebbe il 30% dei casi.

Che cos’è la gonartrosi – definizione

L’osteoartrosi è la malattia articolare più comune. Deriva dall’usura prematura della cartilagine , la struttura gelatinosa che riveste le estremità ossee, permettendo loro di scorrere l’una sull’altra senza attriti. In concreto, la cartilagine si assottiglia e si incrina. Parliamo all’inizio di “condropatia“.

La distruzione della cartilagine può estendersi ai resti dell’articolazione, cioè alle ossa ma anche alla membrana sinoviale che lubrifica l’articolazione. Circa un terzo delle persone con osteoartrosi soffre di artrosi del ginocchio, chiamata artrosi del ginocchio. Questa malattia può portare a un grave handicap per i pazienti.

Sintomi

il segno tipico dell’osteoartrosi del ginocchio è la gonalgia , ovvero il dolore al ginocchio. Questo dolore è discontinuo e si dice che sia meccanico. Ciò significa che si verifica o diventa più pronunciato durante l’esercizio (camminata, piegamento delle ginocchia, salita delle scale) e si attenua o scompare durante il riposo.

Il dolore al ginocchio può essere leggermente diverso a seconda dell’articolazione interessata. È più diffuso se l’osteoartrosi del ginocchio colpisce l’articolazione femoro-tibiale. Quando l’osteoartrosi colpisce l’articolazione femoro-rotulea, il dolore si concentra principalmente nella parte anteriore del ginocchio.

Rigidità articolare: dopo un lungo periodo di inattività, soprattutto dopo una notte, le ginocchia possono sembrare bloccate. Potrebbero essere necessari alcuni minuti affinché le articolazioni riprendano la loro mobilità.

Nel corso degli anni può gradualmente comparire una deformazione dell’articolazione .

gonartrosi

Cause Gonartrosi

Le cause esatte della gonartrosi non sono tutte note. Sappiamo che questa patologia è favorita dall’invecchiamento : infatti, mentre il 3% degli under 45 è affetto da artrosi, i 65 e gli over sono circa il 65% a soffrirne e dopo gli 80 anni più dell’80% della popolazione è interessata.

La letteratura scientifica suggerisce che alcune persone sono geneticamente predisposte all’osteoartrosi del ginocchio. Questa patologia sarebbe anche osservata maggiormente nei pazienti che presentano anomalie anatomiche o sequele di traumi (distorsione mal trattata, asportazione del menisco, ecc.).

Inoltre, è stato stabilito che è coinvolta una pressione eccessiva sull’articolazione . Il sovrappeso è un fattore importante perché affatica l’articolazione. Una moderata perdita di pochi chili può migliorare, o addirittura prevenire, l’insorgenza di questa malattia articolare.

Caricare in modo eccessivo l’articolazione aumenta inoltre lo stress meccanico e danneggia la cartilagine del ginocchio. Si segnala anche la pratica intensiva di alcuni sport (calcio, rugby, sci, ecc.)

Fattori di rischio

Molti fattori sembrano favorire lo sviluppo dell’osteoartrosi del ginocchio:

  • età, l’artrosi al ginocchio è più frequente in chi ha piú di 65 anni;
  • l’ artrosi del ginocchio si verifica più spesso nelle donne, specialmente dopo la menopausa;
  • fattori genetici;
  • presenza di ginocchio valgo che corrisponde ad una deviazione dell’asse della gamba con le ginocchia ad X;
  • presenza di ginocchio varo, cosiddette game ad “O”;
  • eccesso di peso che causa il sovraccarico delle articolazioni;
  • trasporto frequente di carichi, che causa anche un sovraccarico alle articolazioni;
  • la pratica ripetitiva e / o intensiva di determinate attività che provoca microtraumi
  • trauma al ginocchio come rottura del legamento crociato anteriore, lesione del menisco, fratture, ecc. ;
  • alcune malattie metaboliche come la gotta ;
  • alcune malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide ;
  • alcune patologie infettive come l’ artrite infettiva.

Diagnosi

I sintomi dell’osteoartrosi del ginocchio, ovvero il dolore localizzato, possono essere sufficienti per diagnosticare l’artrosi. Ma il medico può confermare la diagnosi con un esame ai raggi X che può vedere pizzicamento articolare, escrescenze ossee attorno all’articolazione (chiamate osteofiti) o assottigliamento osseo localizzato (chiamato geodi).

Può essere utile effettuare regolarmente questo esame radiologico per seguire la progressione della malattia e per decidere circa un possibile trattamento chirurgico.

Gli ultrasuoni, la risonanza magnetica o le scansioni TC possono essere utili per diagnosticare l’osteoartrite mentre nessun marcatore del sangue può stabilire la diagnosi.

Rimedi e cure

Non esiste un trattamento definitivo per l’artrosi del ginocchio. La gestione consiste nell’alleviare i sintomi. Si basa su un monitoraggio medico regolare e può essere supportato da:

  • utilizzo di un’ortesi, un dispositivo che supporterà la funzione articolare;
  • supporto nutrizionale e dietetico in caso di sovrappeso;
  • trattamento farmacologico con analgesici per alleviare il dolore;
  • iniezioni di corticosteroidi se necessario;
  • intervento chirurgico come ultima risorsa con il montaggio di una protesi di ginocchio.

Gonartrosi farmaci

La gestione della gonartrosi si basa su diverse alternative farmacologiche:

  • analgesico semplice : il paracetamolo è considerato analgesico orale di prima linea;
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) : diclofenac , ibuprofene;
  • I farmaci sintomatici ad azione lenta detti anche condroprotettori (SYSADOA): condroitin solfato, glucosamina, insaponificabili di avocado / soia, diacereina;
  • Le iniezioni di farmaci antiinfiammatori steroidei intraarticolari ( corticosteroidi ) o acido ialuronico ; vedi in proposito la ricerca pubblicata su Pubmed circa l’ efficacia delle iniezioni di acido ialuronico.
  • Il lavaggio articolare aiuta a liberare i detriti della cartilagine dell’articolazione del ginocchio con soluzione salina (anestesia locale). L’efficacia di questa tecnica è relativa e talvolta controversa nella letteratura scientifica.

Grazie alla sua azione sulla superossido dismutasi (un enzima che inattiva i radicali liberi), il rame ha dimostrato di essere efficace sull’osteoartrosi, soprattutto sul dolore.

Secondo le diverse scuole di pensiero, il valore dato dai farmaci ad azione lenta varia . Tuttavia sono ben tollerati e agiscono sui sintomi (dolore e incapacità funzionale) dopo un ritardo d’azione di alcune settimane e hanno un effetto duraturo per diversi mesi dopo la loro interruzione .

Nell’osteoartrite dolorosa, questi farmaci vengono assunti contemporaneamente ad analgesici e / o farmaci antinfiammatori. Questi farmaci hanno dimostrato di ridurre la quantità di analgesici e / o farmaci antinfiammatori necessari per il comfort del paziente (e quindi ridurre la frequenza dei possibili effetti collaterali digestivi di questi farmaci).

Gonartrosi chirurgia

Se, nonostante il trattamento e la riabilitazione, il dolore persiste e si instaura un handicap, il medico può suggerire un intervento chirurgico e l’installazione di una protesi totale o parziale in sostituzione dell’articolazione.

L’artroscopia viene eseguita inserendo una telecamera nella cavità articolare attraverso una piccola incisione). Il chirurgo esegue due piccole incisioni di circa 3 mm per inserire nel ginocchio una telecamera in fibra ottica collegata ad una telecamera, rendendo così possibile la visualizzazione di tutte le strutture dell’articolazione del ginocchio.

Una protesi è indicata durante un’usura significativa della cartilagine causata il più delle volte da artrosi o anche durante l’artrite reumatoide. L’intervento, eseguito in anestesia generale o locale, dura tra 1h30 e 2 ore. Le sedute di riabilitazione del ginocchio a volte iniziano dopo il giorno successivo all’intervento e durano circa due mesi.

Se l’artrosi è correlata a una deformità dell’articolazione, il chirurgo può raddrizzare la tibia o il femore, mantenendo l’articolazione. Questa si chiama osteotomia, una tecnica che prevede il taglio dell’osso e il raddrizzamento e quindi il mantenimento di questo cambiamento. Ciò consente di allineare l’arto inferiore e di riequilibrare la pressione esercitata sul ginocchio. Questo intervento è particolarmente indicato per i pazienti con genu valgum (ginocchia verso l’interno). Questo intervento allevia il dolore e stabilizza il processo dell’osteoartrosi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here