Chirurgia estetica, ecco cosa sapere

0
881

PLASTICADalla paura che la protesi del seno esploda mentre si è in volo alla convinzione che sotto i 18 anni non si abbia necessità di fare ricorso al bisturi, neanche per correggere difetti congeniti. Sono queste le curiosità relative all’attività professionale ed alle domande più frequenti che i pazienti rivolgono al chirurgo estetico.

La mappa dei tabù come pure tutti i retroscena della chirurgia plastica, inclusi quelli “più scomodi”, emergono dalla lettura del libro “Mi voglio così – Tutto quello che i pazienti dovrebbero sapere sulla chirurgia estetica”, scritto da Gianluca Campiglio, chirurgo plastico milanese. Classe 1964, Campiglio, che esercita la professione da 25 anni, è stato eletto nel 2014 segretario della più grande e autorevole associazione di chirurgia plastica al mondo, la Società Internazionale di Chirurgia Plastica Estetica (ISAPS), è socio della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (SICPRE) e membro del consiglio direttivo dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (AICPE).

COSA CHIEDERE E COSA SAPERE

Ci sono cose che non tutti i chirurghi plastici dicono. Per esempio che con il bisturi oggi si possono ottenere grandi miglioramenti, ma i miracoli ancora no. Oppure che qualsiasi operazione, anche se a fine estetico, lascerà delle cicatrici che non necessariamente saranno perfette. E ancora: che non esiste una soluzione universale per lo stesso tipo di problema, ma tecniche da personalizzare in base a ogni paziente. Sono molti anche i falsi miti che circondano la chirurgia e la medicina estetica: «Dalle domande dei pazienti mi rendo conto della disinformazione che esiste – spiega Campiglio – Uno dei falsi miti più eclatanti è quello delle protesi al seno che scoppiano in aereo: una vera e propria bufala, ma ancora oggi le pazienti mi chiedono se potranno volare dopo l’operazione di mastoplastica.

Ma anche l’approccio dei minorenni è completamente distorto: i pazienti under 18 sono una rarità e spesso si rivolgono al chirurgo per risolvere malformazioni congenite. Uno degli interventi più ingiustamente sotto attacco è il botulino, considerato ormai sinonimo di qualsiasi intervento sbagliato al viso e che invece, se eseguito con criterio, è quasi impossibile da riconoscere. Poi ci sono le informazioni poco corrette, come il fatto che la liposuzione risolve anche i problemi di cellulite o che le tecniche mini-invasive, ad esempio per lifting con acido ialuronico, possano dare risultati uguali a quelli chirurgici. Infine ci sono luoghi comuni che non sono più validi, come il fatto che la chirurgia plastica sia un privilegio per un èlite ristretta, composta da personaggi famosi o molto ricchi: oggi è alla portata di tutti». Tra le nozioni inesatte largamente diffuse c’è anche quella relativa ad una stagionalità più o meno sicura per affrontare interventi di chirurgia estetica. “Serve solo osservare più attentamente delle cautele” spiega Camiglio.

Un’altra credenza errata sull’argomento riguarda i pazienti della chirurgia estetica: «La stragrande maggioranza di chi si rivolge a un chirurgo estetico non sono persone poco equilibrate o con scarsa fiducia in se stesse, ma persone normalissime e “insospettabili”, come il vicino di casa o il collega di lavoro, che desiderano migliorare una parte di se stessi o ringiovanire di qualche anno» afferma Campiglio, che nel suo libro raccoglie i pazienti in sei tipologie, da quelli che non fanno domande ai troppo informati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here