Stress e relazioni sociali: l’adrenalina tiene lontani gli estranei

0
866

COLOREDL’accettazione di un estraneo avviene quando sono inibiti gli ormoni che si liberano con lo stress. Insomma, è la paura a ridurre l’empatia verso gli sconosciuti. Ciò che, per esempio, succede quotidianamente con gli immigrati.

Lo hanno provato i ricercatori della canadese McGill University di Montreal in test separati sui topi e sulle persone. E si è scoperto che l’empatia verso gli estranei, quindi anche verso gli stranieri aumenta quando gli ormoni dello stress sono stati bloccati da un farmaco. E, singolarmente, è stato trovato che la riproduzione di un videogioco divertente insieme con uno sconosciuto può avere lo stesso effetto di quel farmaco. Lo studio “Reducing Social Stress Elicits Emotional Contagion of Pain in Mouse and Human Strangers” è stato pubblicato su Current Biology.

L’EMPATIA VERSO GLI ESTRANEI MEDIATA DALL’ADRENALINA

Precedenti studi hanno dimostrato che la capacità di sentire o di condividere il dolore di altri individui, non è qualcosa di esclusivo per gli esseri umani. I topi, per esempio, sul piano sociale agiscono come gli uomini e possono provare condizioni di empatia. Ma in entrambe le specie, l’empatia è più forte tra quelle che riconoscono l’un l’altro e del tutto assenti tra quelli privi di familiarità con l’altro. “Poche persone si rendono conto che c’è una risposta simile allo stress quando si è in una stanza con una persona che non si conosce ” evidenzia uno dei ricercatori, il prof Jeffrey Mogil, autore e neuroscienziato della McGill University . In questo studio, i ricercatori hanno trattato i topi con un farmaco anti-stress e osservato la loro risposta di fronte ad altri topi. Essi hanno scoperto che i topi sono diventati più empatici e più compassionevoli verso gli estranei, reagendo nello stesso modo come di fronte a topi “familiari”. Quando i topi sono stati messi sotto stress, hanno mostrato meno empatia verso gli altri topi stressati.

IL VIDEOGIOCO COME MEDIATORE ANTISTRESS

I test applicati con lo stesso farmaco su studenti universitari hanno dimostrato esattamente lo stesso effetto, indica lo studio. I soggetti sono stati invitati a votare il dolore verso un amico o uno sconosciuto la cui mano era stata immersa in acqua ghiacciata per 30 secondi. Gli studenti che hanno assunto il farmaco hanno riferito di provare lo stesso livello di compassione verso un estraneo rispetto a coloro che non l’hanno assunto. Hanno anche mostrato espressioni facciali più addolorate e si sono toccati le proprie mani di più quando si faccia sotto stress. Per Mogil “i risultati del team di studio suggeriscono che il sistema dello stress nel cervello può avere un “veto” sul nostro sistema di empatia”. Lo stesso effetto è stato raggiunto con un videogioco: alcuni studenti sconosciuti tra loro hanno giocato a “Rock Band “ che richiede di cooperare per riprodurre canzoni famose.Con il passare del tempo si è provato che si è allentato lo stress fino ad annullarsi” sottolinea Mogil che trova intrigante che l’impatto dello stress sulla empatia sembra essere identico nei topi e nell’uomo. “Ciò suggerisce sia che i topi sono più complicati di quanto pensiamo sia che le interazioni sociali umane sono soggette a principi più semplice di quanto pensiamo. Quando si tratta di comportamento sociale, i topi sono come le persone.”

LO STRESS IMPEDISCE IL CONTAGIO EMOTIVO

Queste sono le conclusioni del lavoro della McGill University. “La partecipazione al dolore fisico dell’altro è stata dimostrata nell’uomo e nei topi; in entrambe le specie, l’empatia è più forte tra i familiari. I livelli di stress in gruppi di estranei sono superiori in gruppi di familiari o di topi isolati, suggerendo che lo stress potrebbe essere responsabile per l’assenza di compassione verso il dolore degli estranei. Lo studio dimostra che il blocco della sintesi di glucocorticoidi o dei recettori per gli ormoni surrenali dello stress (adrenalina) provoca l’espressione di contagio emotivo (una forma di empatia) su estranei di entrambe le specie. Topi e studenti sono stati testati per la sensibilità alla stimolazione nociva solo e / o insieme (in gruppi di controllo). Il blocco farmacologico della sintesi dei glucocorticoidi o dei glucocorticoidi e dei recettori mineralcorticoidi ha consentito l’espressione di contagio emozionale del dolore nei topi e nei soggetti umani estranei, così come una esperienza di gioco condivisa (il videogioco Rock Band) in estranei umani. I nostri risultati dimostrano che il contagio emotivo è impedito, in maniera evolutivamente conservato, dallo stress di una interazione sociale con conspecifici non familiare e può essere evocato bloccando la risposta allo stress endocrino”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here