Più esposti al rischio obesità dopo la Guerra Mondiale

0
856

CICCIA1Tra gli scienziati che studiano come il nostro DNA possa influenzare il nostro peso, emerge un gene chiamato FTO. “E ‘il bambino del manifesto sulla genetica dell’obesità” ne sintetizza l’importanza Struan F. Grant, professore associato di pediatria presso l’Università della Pennsylvania School of Medicine. Nel 2007, i ricercatori hanno scoperto che le persone con una variante comune di FTO tendono ad essere più pesanti rispetto a quelli senza. Da allora, gli studi hanno ripetutamente confermato il collegamento. In media, una copia della variante rischiosa aggiunge fino a 3,5 chili di peso. Due copie del gene portano 7 chili di troppo – e via aggiungendo, fino a far diventare obesa una persone del 50 per cento del peso.

UN PROBLEMA SORTO SOLO DOPO LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Ma il gene non sembra essere stato da sempre un problema. Se gli scienziati avessero studiato il FTO qualche decennio fa, non avrebbero trovato alcun legame con il peso. Un nuovo studio (Cohort of birth modifies the association between FTO genotype and BMI), infatti, dimostra che il gene FTO è diventato un rischio solo in persone nate dopo la seconda guerra mondiale. La ricerca, pubblicata negli Atti della National Academy of Sciences, solleva questioni che vanno ben oltre l’obesità. I geni influenzano chiaramente la nostra salute in molti modi ma allo stesso modo fanno le condizioni di vita e ambientali; spesso, è l’interazione tra di loro che fa la differenza se sviluppiamo l’obesità o il cancro o un altro disturbo. Come dimostra anche questo articolo.

Ma l’importanza relativa di alcuni geni potrebbe cambiare nel corso degli anni, come suggerisce il nuovo studio, al pari dei cambiamenti ambientali. James Rosenquist Niels del Massachusetts General Hospital ei suoi colleghi sono stati ispirati recentemente a condurre lo studio su come le esperienze delle persone modificano gli effetti dei loro geni. Una variante di un gene chiamato AKT1, per esempio, può aumentare il rischio di psicosi – ma solo se il vettore fuma un sacco di marijuana. E se evita il fumo, la variante AKT1 non causa un problema.

Per documentare i collegamenti genetici alla malattia, gli scienziati hanno confrontato le persone solo in un singolo momento storico. Evidenzia il dottor Rosenquist: “finora non si era pensato alla dimensione temporale, perché non esistevano per questo”. Eppure il nostro ambiente è cambiato drasticamente nel corso dell’ultimo secolo. Abbiamo mangiato diversi tipi di cibo, diversi lavori, e si utilizzano diversi prodotti chimici e tecnologici. Il rr. Rosenquist e i suoi colleghi si sono chiesti se i nostri geni hanno avuto influenze differenti sulla salute in momenti diversi della storia.

UNO STUDIO IN CORSO DA OLTRE 60 ANNI

Gli scienziati hanno deciso di concentrarsi su FTO, perché i suoi effetti sono così chiari. Per ricostruire la sua storia, hanno approfittato di un notevole studio che è in corso da oltre 60 anni. Nel 1948, i ricercatori hanno arruolato oltre 5.000 person con più di 6 anni d’età a Framingham, Massachusetts, e hanno iniziato a seguire la loro salute. Nel 1971, il cosiddetto Framingham Heart Study ha anche reclutato molti dei figli di soggetti originali, e nel 2002, si sono aggiunti anche i nipoti. In aggiunta a dati comel’indice di massa corporea BMI, i ricercatori hanno raccolto informazioni sui geni dei loro soggetti.

Gli scienziati hanno confrontato soggetti di Framingham con la variante rischiosa di FTO con quelli con la variante sana. Oltre tutto, gli scienziati hanno confermato a lungo termine la scoperta che le persone con la variante rischiosa FTO sono diventate più pesanti. Ma quando hanno confrontato i soggetti nati in epoche diverse, i dati hanno raccontato una storia sorprendente. Le persone nate prima degli anni 1942 con la presenza del gene FTO non erano a rischio di mettere su peso. Solo i soggetti nati negli anni successivi sono risultati avere un rischio maggiore di obesità. E, hanno scoperto gli studiosi, più i soggetti sono di recente nascita maggiormente il gene esplica il suo effetto.

COLPA DELLA SEDENTARIETA’ O DEL CIBO SPAZZATURA?

I ricercatori hanno teorizzato che qualche cambiamento nel modo in cui la gente viveva nel tardo XX secolo potrebbe aver trasformato il gene FTO facendogli assumere un ruolo di grande impatto sul rischio obesità. Giles S.H. Yeo, un genetista presso l’Università di Cambridge, che non è stato coinvolto nello studio, ha ipotizzato che l’attività fisica possa avere qualcosa a che fare con il cambiamento.
E ‘possibile che prima della seconda guerra mondiale, la gente era così fisicamente attiva che è stata protetta dal rischio di obesità indotta dal FTO. Dato che le persone sono diventate stanziali, hanno perso la protezione e il gene è emerso come un pericolo. Timothy M. Frayling, un genetista presso l’Università di Exeter Medical School, che non è stato coinvolto nello studio, sospetta che le diete moderne anch’esse abbiano aumentato l’impatto del FTO. Ed evidenzia che recenti studi provano che il FTO aumenta l’appetito. Dr. Frayling rileva inoltre che le persone che mangiano cibi fritti o bevono bevande zuccherate guadagnano più peso se hanno la variante FTO, rispetto a quelle che non la presentano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here