Novità nella lotta all’Aids: quattro vaccini in arrivo dalla Francia

0
1501

AIDSLa Francia è probabilmente al mondo il Paese con il maggior numero di ricerche in fase avanzata per la produzione di un vaccino contro l’Aids. Un obiettivo reso possibile anche dalla campagna annuale di donazioni pubbliche Sidaction oltre che dall’impegno governativo, e che si sta per concretizzare in ben quattro soluzioni annunciate a breve termine. I primi vaccini potrebbero essere pronti tra il 2016 ed il 2017.

LA CAMPAGNA SIDACTION 2015

“L’Aids, per finirlo bisogna continuare” o “L’unica arma che può sconfiggere l’Aids è la ricerca”. Sono gli slogan della campagna di Sidaction 2015 in corso in Francia. La 21° edizione di questa operazione di raccolta fondi per la ricerca e la prevenzione contro l’Aids (un po’ come il nostro Telethon) è iniziata venerdì scorso. E in termini di ricerca, la Francia è in prima linea, con quattro progetti in fase di test come rivela anche l’Huffington Post. Tutti mirano a guarire le persone infette e non riguardano la prevenzione della contaminazione.

IL PRIMO VACCINO GIA’ DISPONIBILE DAL 2017?

Il primo vaccino, il più ambizioso, ma anche quello di maggior successo, è quello di far scomparire ogni traccia di HIV nel sangue delle persone infette. Battezzato Biosantech, il vaccino permette al corpo di sviluppare gli anticorpi per distruggere la proteina “Tat” secreta quando una persona è infettata con il virus dell’AIDS. Per fare questo, i ricercatori hanno creato una proteina “tat” diverso dall’originale, in modo che il corpo sviluppa anticorpi per proteggersi. L’obiettivo è quello di impedire al virus di moltiplicarsi. Già diversi studi clinici sono stati condotti sulle scimmie e sugli esseri umani, per verificare l’affidabilità del vaccino. “Al momento, i primi risultati degli studi clinici sugli esseri umani sono in linea con quelle effettuate sugli animali e sono molto incoraggianti” riassume Corinne Treger, fondatore e presidente di The Biosantech. I risultati finali di questi test saranno annunciati nel mese di giugno 2015. Rimarrà poi un ultimo passo: lo studio sugli effetti collaterali. “Ci auguriamo di mettere a disposizione del vaccino alla fine del 2017” conclude Corinne Treger.

UN VACCINO A PROTEZIONE DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Un altro vaccino, InnaVirVax mira anche a preservare l’immunità del corpo del paziente impedendo al virus di moltiplicarsi. Questo vaccino mira a prevenire il declino delle cellule T che sono al centro del sistema immunitario e sono attaccate quando una persona è infetta. Per evitare questo deterioramento del sistema immunitario, l’idea è di bloccare l’effetto tossico di un peptide presente sulle cellule infettate. “Questo vaccino potrebbe permettere ai pazienti di vivere senza anti-virale e di controllare l’infezione”, spiega Joël Crouzet, il fondatore di InnaVirVax. I test sono stati effettuati su 90 pazienti in Francia, Spagna e Germania. Secondo le anticipazioni dell’HuffingtonPost, i primi risultati saranno disponibili all’inizio del 2016.

UN VACCINO BASATO SU VIRUS MODIFICATI

Un altro vaccino si basa sullo stesso principio dell’InnaVirVax. “Il nostro sistema immunitario ha due tipi di risposta contro un’aggressione: la risposta umorale con anticorpi che drenano il virus e la risposta cellulare con le cellule T che eliminano quelle infette. Il principio del nostro vaccino è quello di stimolare la risposta cellulare attraverso un virus innocuo modificato che trasporta un antigene (vettori lentivirali) in una cella chiave del sistema immunitario per costringerla a reagire contro l’HIV “, spiega Renaud Vaillant, CEO di Theravectys. I test, condotti su 38 pazienti affetti da HIV, sono stati completati nel dicembre 2014. E i risultati dello studio dovrebbero essere pubblicati nell’estate 2015. Una seconda fase di test clinico dovrebbe quindi avvenire. E’ ancora troppo presto per indicare una data di vendita del vaccino.

UN VACCINO DOPPIO, CON IL RICHIAMO

L’Agence nationale de recherches sur le sida et les hépatites (ANRS) e l’Institut de recherche vaccinale (VRI) stanno sviluppando la ricerca per creare vaccini che combinino diversi vaccini. Questa strategia di “Prime-Boost” consiste “nell’ottimizzare la risposta immunitaria, con un primo vaccino (” primo “), seguito dall’iniezione di una seconda (” richiamo”). Ciò consente di migliorare la risposta immunitaria” spiegano dalle agenzie francesi. L’ANRS sta reclutando per la fase di ricerca 100 partecipanti volontari non infetti per condurre le sue sperimentazioni sui vaccini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here