Il caffè contro il melanoma, un effetto inatteso

La ricerca su oltre 447mila bevitori di caffè rivela una riduzione del rischio di insorgenza del melanoma anche del 20% rispetto ai non bevitori

0
1001

CAFFEIl caffè del mattino potrebbe avere un effetto supplementare oltre a quello di favorire il risveglio: i ricercatori suggeriscono che potrebbe anche aiutare a proteggere contro il melanoma, la forma più letale di cancro della pelle. I bevitori di caffè, infatti, hanno minori probabilità di soffrire di melanoma maligno, e il rischio diminuisce un po’ con ogni tazza inghiottono. I risultati dell’indagine sono stati pubblicati il 20 gennaio sul Journal of National Cancer Institute.

NUMERI DA BRIVIDO SULLA DIFFUSIONE DEL MELANOMA

Abbiamo scoperto che quattro o più tazze di caffè al giorno sono associate ad una riduzione di circa il 20% del rischio di melanoma maligno” specifica l’autrice Erikka Loftfield, una studentessa di dottorato alla Yale University School of Public Health, che sta completando il suo lavoro di tesi presso il US National Cancer Institute. Precedenti ricerche hanno dimostrato che il consumo di caffè potrebbe proteggere contro forme meno letali di cancro della pelle, apparentemente per mitigare il danno alle cellule epiteliali causato dai raggi ultravioletti del sole.

Così gli studiosi hanno deciso di vedere se questa protezione è estesa anche al melanoma, la principale causa di morte per cancro della pelle negli Stati Uniti e il quinto tumore più comune. Nel 2013, in Usa ci sono stati circa 77.000 nuovi casi di melanoma e circa 9.500 morti per il cancro, secondo lo studio. Secondo il Centro nazionale di Epidemiologia, in Italia “la stima dei melanomi, e dei decessi ad essi attribuiti, è tuttora approssimativa: si aggira attorno a 7.000 casi l’anno”.

ARRUOLATI 447MILA BEVITORI DI CAFFE’

Per sviluppare il loro studio, i ricercatori hanno raccolto dati da un’indagine gestita dal National Institutes of Health e AARP. Un questionario sulle abitudini alimentari è stato inviato a 3,5 milioni di soci AARP che vivono in sei stati: California, Florida, Louisiana, New Jersey, North Carolina e Pennsylvania; così come in due città, Atlanta e Detroit. Il questionario ha segnalato che quasi 447.400 anziani bianchi (intercettati tra il 1995 e il 1996) bevevano abitualmente caffè e i ricercatori hanno seguito i partecipanti per circa 10 anni. Tutti i soggetti arruolati nello studio erano privi di cancro quando hanno compilato il questionario e i ricercatori hanno rettificato la ricerca rispetto ad altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di melanoma. Tra questi l’esposizione alle radiazioni ultraviolette, l’indice di massa corporea, l’età, il sesso, l’attività fisica, l’assunzione di alcol e il fumo.

MENO 20% CON QUATTRO TAZZE AL GIORNO

Si è scoperto che le persone che bevevano più caffè ogni giorno hanno goduto un minor rischio di melanoma, rispetto a coloro che assumevano poco o alcun caffè. Addirittura si è rilevata anche una tendenza verso una maggiore protezione in seguito ad una maggiore assunzione. Le persone che hanno bevuto 1-3 tazze al giorno hanno avuto circa il 10% di diminuzione del rischio rispetto a coloro che bevevano tutto assenti, mentre quelli che hanno bevuto quattro o più tazze avuto un 20% di riduzione. Lo studio ha scoperto solo una associazione tra consumo di caffè e rischio di melanoma; essa non ha dimostrato un rapporto di causa-effetto. Naturalmente è bene conoscere i limiti di una sostanza che potrebbe comunque provocare problemi in caso di eccessiva ingestione. Anche in considerazione del fatto che la caffeina è presente in diverse altre bevande e il cumulo può attentare alla salute.

Apparentemente la caffeina potrebbe essere la ragione della protezione – ipotizza Loftfield – Si è trovata una significativa diminuzione del rischio di melanoma solo tra coloro che hanno bevuto decaffeinati, e studi precedenti hanno indicato che la caffeina potrebbe proteggere le cellule della pelle contro i raggi ultravioletti-B”. Tuttavia, la maggior parte delle persone sotto controllo ha bevuto caffè con caffeina, il che ha reso difficile analizzare appieno i benefici per la salute indotti dal decaffeinato. Ci potrebbero essere altri composti del caffè, oltre alla caffeina, che proteggono contro il cancro della pelle, tra i quali gli antiossidanti. “Non possiamo certo escluderla come possibilità” conclude Loftfield.

LA PREPARAZIONE

Ovviamente ci sono modi diversi per preparare e consumare il caffè. Oggi anche a casa è possibile bere caffè di livello pari a quello del bar. La proposta Nespresso Pixie XN3005 macchina per caffè espresso di Krups, colore Electric Titan con relative NESPRESSO Capsule Originali Caffe Assortimento, 50 Capsule – 10x Roma 10x Ristretto 10x Kazaar 10x Arpeggio 10x Dharkan – compatibili originali è la più pubblicizzata anche se la meno legata alla nostra italiana. Che, invece, è rivendicata dalla tricolore LAVAZZA 10080909 LM500 MINU – MACCHINA PER CAFFE’, BIANCO 220-240V promossa dall’ironia di Enrico Brignano. Spettacolare la De’Longhi EC680.M Macchina Caffè Espresso con Pompa che richiama le atmosfere ed i sapori del bar. Per la preparazione all’americana, legata all’iconografia cinematografica, la proposta è quella della Moulinex FG1528 macchina per il caffè. Il caffè verde, poi, è l’ultima novità, in compresse Caffè Verde Green Coffee Bean * Perdere Peso Velocemente * 120 Compresse Appositamente Formulato Per la Perdita di Peso in più Veloce con questi 6000mg di Compresse dietetiche ! STRATEGIA DIETETICA COMPRESA – 120 Pillole Dimagrante Super Forti ! ma anche in cialde 150 CIALDE CAFFE’ BORBONE VERDE DEK FILTRO IN CARTA 44MM, solubile NESCAFÉ GREEN BLEND caffè solubile miscela di caffè verde e caffè torrefatto 100g e persino in sciroppo Equilibra – Caffè Verde Drenante, 500 ml.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here