Cancro al seno, nella metà dei casi colpa dello stile di vita

0
790

Cancro al seno: mangiare equilibrato, contrastare l’obesità e limitare al massimo l’alcol, sono questi i segreti per dimezzare il rischio nel dopo-menopausa. Uno studio francese, condotto presso il Cancer Institute Gustave Roussy di Villejuif (Val-de-Marne) in Francia  e pubblicato sul Journal of Cancer con il titolo “Proportion of premenopausal and postmenopausal breast cancers attributable to known risk factors: Estimates from the E3N-EPIC cohort”, ha scoperto infatti che un cancro al seno su due dopo la menopausa è dovuta a fattori comportamentali come una cattiva alimentazione, l’alcool o il sovrappeso.

OLTRE 67MILA DONNE STUDIATE PER 15 ANNI

Più della metà (53,5%) di tutti i casi di cancro avrebbe potuto essere evitato con un comportamento adeguato in questo momento della vita. Mangiare sano ed equilibrato, limitarsi ad un bicchiere di vino al giorno, fare attenzione al vostro peso (indice di massa corporea inferiore o uguale a 25 kg / m²) ridurrebbe della metà il rischio di sviluppare il cancro al seno nella fascia d’età post-menopausa. I ricercatori del francese Inserm (Istituto nazionale della sanità e della ricerca medica) hanno capito che questi cosiddetti fattori di rischio “comportamentali” sono stati fondamentali nello scatenare la malattia dopo la menopausa. In altre parole, agendo sul loro comportamento, le donne potrebbero notevolmente aumentare le loro possibilità di evitare la malattia in questo momento della vita. Già QUESTO STUDIO del Harvard T.H. Chan School di Boston aveva dimostrato l’importanza dell’alimentazione a base di fibre: nell’età dell’adolescenza riduce successivamente di un quarto il rischio di cancro al seno. Ugualmente chiamati in causa sono i trattamenti ormonali per la menopausa che sono ora molto meno utilizzati e che hanno sofferto, come ricordato dagli specialisti, cambiamenti nella loro composizione. SENO2

I loro studi si sono concentrati su 67.634 donne francesi di età compresa tra 42 a 72 anni. Dopo 15 anni di follow-up, 497 donne hanno ricevuto la diagnosi di cancro al seno prima della menopausa e 3.138 dopo la menopausa. “Prima della menopausa, i tumori al seno sono attribuibili al 61,2% per i fattori non-comportamentali di rischio e solo il 39,9% nel comportamento” emerge dall’analisi. “I tumori al seno diagnosticati prima della menopausa non sono statisticamente attribuibili ad alcun fattore comportamentale preso isolatamente “, afferma Françoise Clavel-Chapelon, direttore di ricerca presso l’Inserm. Per contro,” dopo la menopausa, più della metà (53, 5%) di tutti i casi di cancro avrebbe potuto essere evitato con un comportamento appropriato “, spiega il ricercatore.

Questi nuovi dati suggeriscono che la prevenzione di questi comportamenti comporterebbe la riduzione del cancro al seno alla menopausa. In Italia di cancro al seno muoiono circa 12mila persone l’anno. E lo strumento migliore per la diagnosi resta la mammografia eseguita con QUESTE MODALITA.

QUI PUOI LEGGERE la pubblicazione scientifica in inglese sulla base della quale è stato redatto quest’articolo.

Se vuoi essere sempre aggiornato, iscriviti al gruppo FACEBOOK SALUTEOKAY

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here