Cancro del seno e mammografie: l’età giusta è oltre i 50 anni

0
996

Le donne possono aspettare i  50 anni d’età prima di sottoporsi ad  una mammografia ogni due anni, da sempre considerata la strategia ottimale di prevenzione contro il cancro al seno. Questa indicazione arriva da un gruppo federale di esperti statunitensi riassunta nella pubblicazione dal titolo “Breast Cancer Screening Final Recommendations” elaborata dalla U.S. Preventive Services Task Force che QUI PUOI LEGGERE in inglese.

MENO FALSI POSITIVI E MINORI TERAPIE INUTILI

Una mammografia ogni due anni nelle donne tra 50 a 74 anni, presentando un rischio moderato, offre il miglior equilibrio tra i benefici e rischi dello screening” come ad esempio i falsi positivi, sostiene la U.S. Preventive Services Task Force. Queste raccomandazioni partono dal quesito posto dalle donne più giovani riguardo alla decisione di sottoporsi a mammografia dopo aver consultato il proprio medico. Il 20 ottobre scorso la molto rispettabile American Cancer Society (ACS) ha raccomandato che le donne a rischio moderato di sviluppare cancro al seno aspettino i 45 anni prima di fare una mammografia annuale. In precedenza, si era sostenuto di iniziare a 40 anni. L’ACS stima ora che eseguire questo esame ogni due anni sia sufficiente oltre i 54 anni, se le donne sono in buona salute, con un’aspettativa di vita di almeno dieci anni.

Le ultime raccomandazioni federali sullo screening si basano sulle conclusioni unanimi di sei gruppi di ricerca indipendenti. Sono un aggiornamento di quelle rilasciate nel 2009 e prendono in considerazione i nuovi dati derivanti da mammografie digitali e dai trattamenti più avanzati della malattia. Questi ricercatori hanno concluso che in tutte le donne a rischio moderato, il fatto di iniziare lo screening mammografico più giovani o di farlo più spesso rende possibile di evitare un numero molto esiguo di decessi al prezzo molto alto di falsi positivi e di biopsie. E ciò si traduce in più “over-diagnosi e in trattamenti non necessari“, dice il rapporto. CANCROSENO

Ma la dottoressa Jeanne Mandelblatt, del Cancro Central Medical School di Georgetown a Washington, tuttavia, ribadisce l’utilità della mammografia come strumento diagnostico. “E ‘importante ricordare che non tutte le donne hanno un rischio moderato di cancro al seno“, e che la predisposizione familiare genetica ed altri fattori devono essere presi in considerazione, ha detto colei che ha contribuito alla studio federale come parte del ” Breast Cancer Surveillance Consortium “. “Il principio essenziale resta che la mammografia salva la vita“, ha detto l’oncologa in un comunicato.

INIZIARE PRIMA RIDUCE SOLO UN DECESSO SU MILLE

Secondo lei, l’età per iniziare a fare una mammografia e la loro frequenza “è una decisione individuale”, perché “non esiste una formula in grado di fornire una risposta”. I ricercatori hanno utilizzato sei modelli di simulazione al computer, analizzando dieci strategie di screening del cancro del seno su  donne a rischio considerato moderato. Essi hanno quindi esaminato mammografie partendo da età diverse (40, 45 o 50) e una frequenza di uno o due anni sulla base di dati nazionali di incidenza del cancro al seno, di rischio, del tipo di mammografia, dell’efficacia del trattamento e del rischio di mortalità di altre malattie. Hanno così determinato che una mammografia effettuata ogni due anni tra i 50 ei 74 anni riduce il rischio di cancro al seno del 26% di mortalità (7 morti ogni mille donne). Iniziare questo screening a 40 anni di età ogni due anni,  impedisce di evitare solo un decesso in più su mille donne, ma espone a risultati significativamente superiori in falsi positivi e trattamenti non necessari.

12MILA DECESSI L’ANNO IN ITALIA

Il tumore della mammella è il tumore più comune nelle donne in tutto il mondo. Secondo l’AIRTUM (Associazione italiana registro tumori) considerando l’intera popolazione, escludendo i carcinomi della cute, il tumore in assoluto più frequente è quello del colon retto (14%), seguito dal tumore della mammella (13%), della prostata (11% solo nel sesso maschile) e del polmone (11%). Tra le donne, il tumore della mammella è il più frequente, rappresentando il 29% di tutti i tumori: sono 11.959 i decessi di donne dovuti a questo tipo di cancro (2011, Istat).

QUESTO E’ IL VIDEO in lingua inglese sulle raccomandazioni varate in USA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here