Beethoven, il genio musicale era un aritmico cardiaco

0
1271

BEETHOVEN1Sappiamo bene quanto le anomalie del ritmo cardiaco – pensiamo alle extrasistoli, alla tachircardia, alle fibrillazioni – condizionino l’umore e lo stato psicologico di una persona. Quel senso di instabilità e incertezza si ripercuotono su ogni attività quotidiana, anche la meno importante.

Ebbene, in un grande personaggio della cultura mondiale, l’aritmia avrebbe condizionato persino la creazione di opere immortali. In Ludwig Van Beethoven il ritmo musicale anomalo eppure così armonioso è stato ispirato dalla sua aritmia cardiaca. A rivelarlo è lo studio della musica del celebre compositore tedesco da parte di ricercatori (tra i quali uno storico medico, un musicologo e un cardiologo) dell’Università del Michigan ad Ann Arbor e dell’Università di Washington School of Medicine di Seattle che hanno applicato una sorta di “elettrocardiogramma musicale” alle opere di Beethoven. Il titolo della ricerca (che puoi leggere in lingua originale COLLEGANDOTI QUI) è “Music straight from the heart: Could a cardiac arrhythmia have influenced famous works by the musical great?”.  Il compositore è vissuto e ha composto i suoi grandi capolavori due secoli anni fa, e non ci sono prove attendibili della sua salute e delle sue afflizioni. Il suo disturbo più spesso descritto era la sordità, che gli autori suggeriscono avrebbe accresciuto la consapevolezza del suo battito cardiaco, spingendolo a fare musica letteralmente seguendo il suo cuore. Ci sono anche teorie che Beethoven soffrisse di molti altri problemi di salute, tra cui malattie epatiche, abuso di alcool, malattie renali, malattie infiammatorie intestinali e la malattia di Paget relativa alle ossa.

L’ELETTROCARDIOGRAMMA MUSICALE ALLE OPERE DI BEETHOVEN

Il capo-team dello studio, Zachary D. Goldberger, assistente professore di medicina nella Divisione di Cardiologia presso UW School of Medicine, afferma: “Non possiamo provare o confutare che Beethoven avesse molte delle malattie delle quali era presumibilmente affetto perché quasi tutti i test medici diagnostici di oggi non esistevano nel 18° secolo, e stiamo interpretando le descrizioni mediche di allora rapportandole al contesto delle nostre conoscenze attuali”. L’aritmia è una condizione in cui vi è un cambiamento dalla normale sequenza di impulsi elettrici nel cuore. Come risultato, il cuore può battere irregolarmente (fibrillazione), troppo veloce (tachicardia), troppo lentamente (bradicardia) o troppo presto (contrazione prematura).

Per eseguire lo studio, il team ha esaminato il ritmo di molte delle composizioni di Beethoven e ha scoperto che i modelli indicati dal prof. Goldberger corrispondono a ciò che potrebbero essere definiti come “elettrocardiogrammi musicali”, mediante la lettura di moderne attrezzature di controllo del ritmo cardiaco. Gli improvvisi, inaspettati cambiamenti di ritmo e di chiave armonica sembrano corrispondere ai modelli asimmetrici di aritmie: “troppo veloce, troppo lento o irregolare” sostengono i ricercatori. Ad esempio, uno dei pezzi che hanno studiato è la “Cavatina” movimento finale del Quartetto in B-bemolle maggiore, Opera 130. Beethoven riferì che questo passo lo fece piangere. Nel mezzo della Cavatina, si registrano i bruschi cambiamenti di chiave a C-bemolle maggiore. Insieme con il ritmo sbilanciato, questo improvviso cambio evoca un’emozione nel buio e di disorientamento che alcuni hanno descritto come simile alla “mancanza di respiro”. “La qualità aritmica di questa sezione è indiscutibile” notano gli autori.
Un altro aspetto della musica di Beethoven rimanda a chiari riferimenti cardiaci. Nello spartito, a proposito delle sue indicazioni per suonare il pezzo, il compositore usa la parola tedesca “beklemmt” per indicare “pesantezza del cuore.” Gli autori suggeriscono che, mentre “pesantezza del cuore” potrebbe essere intesa nel senso di tristezza, in un senso più letterale potrebbe significare anche una sensazione di pressione, che è associata con la malattia di cuore.

Il team ha rintracciato aritmie anche in altri pezzi di Beethoven. Le hanno trovate nella Sonata per pianoforte in la-bemolle maggiore, Opera 110, e l’apertura del “Les Adieux” Sonata opera 81a in mi-bemolle maggiore, che Beethoven scrisse durante l’attacco di Napoleone su Vienna nel 1809. “Quando il tuo cuore batte in modo irregolare per causa di malattie cardiache, lo fa in alcuni schemi prevedibili. Pensiamo di aver riconosciuto alcuni di questi modelli nella sua musica ” conclude Joel Howell della University of Michigan Medical School.

CANTARE, ASCOLTARE MUSICA, BALLARE E’ SALUTARE

Sono innumerevoli le pubblicazioni scientifiche circa i benefici della musica, del canto e del ballo sulla salute. Specie se porta a socializzare. E allora ecco che questo Giochi Preziosi – Canta Tu Karaoke con Microfono, seppure poco più di un giocattolo (per il prezzo contenuto) ma molto affidabile, può venire in aiuto a chi ama le serate in allegria a cantare sulle frasi delle canzoni più amate. Di livello superiore, con un ottimo rapporto qualità/prezzo si colloca Dual Display testo Dk 200 Stereo Karaoke System (Display a colori per singolo, due ingressi microfono, porta USB, AUX-in, supporto per Tablet, colore: nero. Per le feste in giardino o sul terrazzo il più utile e affidabile è senza meno il Trust Urban Fiësta Altoparlante con Microfono, Wireless, Bluetooth, Nero. Per chi preferisce, invece, dedicarsi all’ascolto della musica, le offerte del mercato sono numerosissime. Eccone una selezione in base alle prestazioni ed al rapporto qualità/prezzo. Il Sony CMT-SBT20 Sistema Micro Hi-Fi con Mega Bass, Potenza totale 12W, Lettore CD, Radio FM, USB, Bluetooth, NFC, Argento è di bassa potenza ma di espressione musicale notevole. Suona bene e ha una linea accattivante anche il Samsung MM-J320 2,0 Micro-impianto (20 Watt, CD, MP3, Bluetooth, USB). Più potente ed elegante questo Pioneer X-PM12 Sistema Power Micro Hi Fi CD, USB, FM, Bluetooth, Nero/Antracite è tra i preferiti da chi sceglie lo stereo compatto multifunzione.  Infine le cuffie per ascoltare la musica nell’intimità del proprio salotto senza disturbare. Tra le più economiche e di buona qualità proponiamo la Sennheiser HD201 Cuffie Over-Ear, Stereo, Cavo 3 m, Silver con ottima risposta di frequenza e basso disturbo di fondo. Ascolto morbido e confortevole con la Sennheiser HD215II Cuffia stereo dinamica chiusa di qualità elevata. Fedeltà assoluta con la Sennheiser HD471G Cuffia Chiusa Circumaurale con Suono Stereo Naturale, Nero. Chi è contrario all’uso di cuffie con fili sospesi, suggeriamo l’uso di quelle a tecnologia bluetooth, dalla più economica Bluedio T2S (Turbine 2 Shooting Brake) Bluetooth stereo headphones wireless headphones auricolari cuffie Bluetooth 4.1 headset Hurrican Series over the Ear headphones Gift Package(Nero) alla più ricercata (e costosa) Sennheiser Urbanite XL Wireless – Cuffia Stereo Wireless, Bluetooth 4.0, Nero/Antracite.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here