Aids, i migranti tra le categorie più a rischio di trasmissione HIV

0
982

Aids: il contagio avviene essenzialmente dai migranti, tra uomini che fanno sesso con altri uomini, tossicodipendenti, detenuti e persone che si prostituiscono. Le campagne di prevenzione della trasmissione dell’AIDS sono mal fatte, affatto mirate ed il numero di persone contagiate ogni anno “continua ad essere inaccettabilmente alto”: più di 136mila soggetti sono stati infettati dall’HIV in Europa nel 2013. Sono le conclusioni dei 12 documenti (6 report tematici e 6 evidence brief) pubblicati dall’Ecdc (European centre for disease prevention and control) nei giorni scorsi.

LO STUDIO SU 55 PAESI EUROPEI ED EXTRA-UE

Scopo del lavoro è valutare i progressi fatti dopo la Dichiarazione di Dublino sulla partnership per la lotta contro l’Hiv e l’Aids in Europa e in Asia centrale. I documenti si basano sui dati forniti da 55 Paesi e, oltre riassumere i progressi fatti nel contrasto al virus Hiv, identificano le aree di azione prioritarie (incrementare l’offerta del test HIV e monitorare il percorso di cura della persona sieropositiva), e le popolazioni che devono essere monitorate con attenzione: maschi che fanno sesso con i maschi (men who have sex with men), migranti, persone dedite all’uso di sostanze per via iniettiva, detenuti e persone che si prostituiscono (sex workers).

Nonostante l’esistenza di interventi di prevenzione, più di 136000 persone sono state contagiate dall’HIV in Europa nel 2013. I tassi di nuove infezioni non mostrano segni di declino. Nel corso dell’ultimo decennio il tasso di nuove infezioni è rimasto invariato nell’UE ed è aumentato del 126% nei paesi non UE. Si affinano le tecniche per la diagnosi della sieropositività, addirittura con test ad uso domestico.MIGRANTI

LE CATEGORIE PIU’ A RISCHIO

Continuano ad aumentare i nuovi casi di HIV negli uomini che fanno sesso con gli uomini (MSM). Nella UE, i nuovi casi di HIV negli MSM è aumentato del 33% negli ultimi dieci anni; i nuovi casi sono quasi raddoppiati nel gruppo di età 20-24 anni e sono cresciuti dell’83% nel gruppo di età 15-19 anni. Nei paesi non-EU, il numero di nuovi casi è triplicato nello stesso periodo. Anche se da quanto riferito dagli interessati l’uso del preservativo è relativamente alto, una percentuale significativa di uomini che fanno sesso con gli uomini sono esposti a infezione da HIV attraverso rapporti sessuali non protetti.

Resta alta anche la trasmissione di HIV tra le persone che si iniettano droghe: addirittura si sono verificate epidemie di HIV. Nel 2013, l’infezione da HIV a causa di consumo di stupefacenti hanno rappresentato il 31% di tutti i nuovi casi dei paesi non-UE, ma solo il 5% dei nuovi casi nell’UE. Tuttavia, le epidemie di HIV con conseguente in un numero significativo di nuovi casi di persone che si iniettano droghe sono stati segnalati in alcuni paesi UE (Grecia, Lituania e Romania).
In diversi Paesi del continente si segnalano gravi carenze nei programmi di prevenzione per le popolazioni più a rischio di HIV. “I programmi di prevenzione non stanno prendendo di mira le persone che sono più a rischio. Pochi paesi hanno programmi di prevenzione dell’HIV che colpiscono sottogruppi di popolazioni chiave che sono maggiormente a rischio”. Questo include un alto rischio per MSM che si dedicano a comportamenti sessuali spericolati o collegati alla droga; i MSM migranti, i giovani MSM, i lavoratori del sesso che si iniettano droghe; donne sieropositive che non cercano cure sanitarie durante la gravidanza; e migranti a rischio di acquisizione di HIV post-arrivo. “La copertura dei programmi di prevenzione HIV per popolazioni chiave è inadeguata. Quasi un quarto dei paesi UE riferisce che la prevenzione per gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini non viene effettuata su ampia scala, e uno Stato su tre che la prevenzione non raggiunge i lavoratori del sesso. I programmi di prevenzione per i migranti privi di documenti sono inadeguati in più della metà dei paesi della regione”.
Un’efficace prevenzione dell’HIV è fondamentale per ridurre l’impatto dell’epidemia nella regione. Prevenzione rende anche dal punto di vista economico, considerati i costi di trattamento per tutta la vita per l’HIV. “Tuttavia, i programmi di prevenzione continuano ad essere insufficiente, la copertura è troppo bassa, e l’impatto è limitato, nonostante il fatto che molti paesi riferiscono che i finanziamenti per la prevenzione privilegia popolazioni chiave e che i programmi di prevenzione vengono consegnati a scala per queste popolazioni”.

Il continuo aumento delle infezioni da HIV tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini e in altre popolazioni chiave mette in evidenza la necessità di un’azione urgente per migliorare la portata e l’efficacia dei programmi di prevenzione. Intanto, sotto il profilo della terapia, nell’attesa di un vaccino che agisca con efficacia, importanti e buoni risultati si stanno riscontrando con Truvada.

L’ESAME NEI TEST A DOMICILIO

E’ importante effettuare periodicamente test per la ricerca della sieropositività all’HIV, opportunità che la tecnologia ha reso possibile effettuare nella totale privacy e a domicilio. Il self test più diffuso nel mondo è il Test autodiagnostico BioSURE per l’HIV, con marchio CE che ha un margine di affidabilità del 99,7%. Il test più venduto in Francia e ai primi posti in Europa è OMEGA PHARMA – Autotest Santé Autotest VIH 1 test. Promette risultati delle analisi in 10 minuti il Test per HIV tipo 1 e 2 per Maschi e Femmine, (Risultati in solo 10 minuti): è prodotto in Inghilterra e sono oltre mille gli studi medici che ne fanno uso.

L’HIV DELL’AIDS RILEVATO DALLA SALIVA

I ricercatori della McGill University Health Centre (RI-MUHC) e della McGill University di Montreal in Canada hanno comunicato di aver inventato questo Oraquick Oral In Home Saliva Test For Hiv. (Completely Private) The 1St Test You Can Read Yourself. No Outside Facilities Involved. test salivare per l’individuazione dell’eventuale infezione da HIV, il virus responsabile dell’AIDS. Dopo aver analizzato  migliaia di pazienti sottoposti ad entrambi i metodi diagnostici, gli scienziati hanno notato che il test della saliva era efficace almeno tanto quanto quello del sangue: in particolare la diagnosi è corretta nel 99% dei casi nella popolazione ad alto rischio e nel 97% in quella a basso rischio. Notevoli i vantaggi per il suo uso: è più economico di quello del sangue, è più rapido (bastano 20 minuti), è indolore e non invasivo, è pratico soprattutto in quei Paesi ad alto rischio ma poco sviluppati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here