Presunta truffa olio extravergine non italiano: risponde la Pantaleo Nicola Spa

A tre anni dal sequestro di 7mila tonnellate di olio extravergine, archiviata l'accusa per quasi tutti gli indagati la Pantaleo Nicola Spa chiarisce la sua posizione

0
193

Olio extravergine d’oliva, nel 2015 la Forestale sequestrò settemila tonnellate di prodotto contestando non si trattasse realmente di provenienza italiana. L’accusa, però, è stata smentita per quasi tutti i sette indagati ma c’è chi ancora attende giustizia.

Del caso ce ne occupammo con questo articolo. Il 10 gennaio 2018, a tre anni di distanza da quell’evento, la Pantaleo Nicola Spa chiarisce la propria posizione.

In riferimento all’articolo nei quali si parlava della presunta truffa psr 7.000 tonnellate di olio (quel giorno, in realtà, furono sequestrate solo 4 bottiglie) disposta dalla Procura della Repubblica di Bari su richiesta del Nucleo Agroalimentare Forestale di Roma nei confronti dell’azienda Pantaleo Nicola Spa di Fasano, vorremmo evidenziare che:

  • l’indagine che riportaste su saluteokay.com (archiviata dopo due mesi nei confronti di quasi tutti gli indagati per inconsistenza dell’accusa) si trova oggi in fase dibattimentale nei confronti dell’unico trasferito per competenza alla Procura della Repubblica di Brindisi che, compatibilmente con i tempi della Giustizia italiana, si è fiduciosi che entro qualche anno possa ottenere sentenza di assoluzione (peraltro, l’analisi del DNA concepita dalla ricercatrice del CNR-IBBR di Perugia, dr.ssa Luciana Baldoni, e utilizzata dai Forestali per desumere la provenienza delle olive frante nella campagna olearia del 2015, è stata ritenuta dalla stessa ricercatrice non dirimente, né utilizzabile in sede contenziosa o giudiziale).
  • pur essendo passati circa tre anni dall’apertura dell’inchiesta (e, verosimilmente, dall’errore commesso dai Forestali), a oggi ogni ricerca effettuata sui principali motori di ricerca sul web relativa alla Nicola Pantaleo SpA presenta nella prima pagina della SERP il vostro articolo; con tutto ciò che ne consegue, purtroppo, in termini di reputazione, credibilità commerciale ed etica aziendale di un oleificio con oltre un secolo di impegno e passione nella produzione di qualità, tramandata per generazione di padre in figlio.

Per diritto di replica e per dovere di cronaca riportiamo con piacere a beneficio della clientela dell’azienda e nel rispetto del lavoro dei produttori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here