Obesità: in un caso su due è un fatto genetico ma presto si potrà correggerlo

0
913

OBESITA3L’obesità è una predisposizione genetica per quasi una persona su due. E agendo con l’ingegneria genetica presto si potrà dimagrire e tornare al peso-forma ideale senza fare troppi sacrifici a tavola.

TUTTO SCRITTO NEI GENI IRX3 E IRX5

I ricercatori hanno identificato i geni chiave nel meccanismo del controllo sul metabolismo che determina se bruciare o depositare il grasso nel corpo. “Una scoperta che potrebbe portare a un nuovo approccio per il trattamento dell’obesità” sostengono gli studiosi. Questi scienziati, tra i quali figurano quelli del Massachusetts Institute of Technology (MIT), hanno pubblicato il 13 agosto il loro lavoro con il titolo “FTO Obesity Variant Circuitry and Adipocyte Browning in Humans” sulla versione online del New England Journal of Medicine. Nelle conclusioni del loro lavoro ricordano che il 44% delle popolazioni europee sono geneticamente predisposte all’obesità a causa delle varianti sul gene FTO scoperto qualche anno fa dai ricercatori britannici.
“Gli studi hanno cercato di trovare il legame tra la mutazione del gene FTO e la regolazione dell’appetito o la voglia di esercitare il controllo del cervello su quella sensazione“, afferma Melina Claussnitzer, professoressa al MIT Computer Science Department , uno dei co-autori. “Tuttavia, l’analisi di più di un centinaio di diversi tipi di tessuto adiposo e di varie cellule adipose umane non indicano alcun collegamento con il cervello: il meccanismo genetico risiede principalmente nelle cellule del tessuto adiposo, non nel cervello” , aggiunge.
I ricercatori hanno prelevato molti campioni di tessuto adiposo da persone con la variante FTO genetica e di altre che non erano portatrici. Hanno trovato un aumento dell’attività dei due geni distanti IRX3 e IRX5 controllati dal sistema organizzato dell’FTO. Una più forte espressione di uno dei due geni provoca un cambiamento nel metabolismo: invece di trarre energia dai grassi, li immagazzina causando il conseguente aumento di peso e dell’obesità.

L’INGEGNERIA GENETICA HA GIA’ PRODOTTO RISULTATI

Questi scienziati hanno inoltre dimostrato che è possibile manipolare la macchina genetica per invertire l’accumulo di peso. Essi quindi hanno valutato gli effetti nel neutralizzare l’attività del gene IRX3 sull’intero metabolismo e sul peso corporeo agendo sul gene equivalente nei grassi di topo. Il metabolismo di questi roditori è aumentato rapidamente con una conseguente perdita di peso netto e nessun cambiamento nel loro livello di attività fisica o del loro appetito.
L’impatto sul corpo è stato spettacolare“, ha detto Melina Claussnitzer. “Questi topi sono diventati più sottile del 50% rispetto a quelli del gruppo di controllo e non hanno preso lo stesso peso con una dieta ricca di grassi: bruciano più energia anche nel sonno, indicando un drastico cambiamento nel loro metabolismo “, sottolinea.
“I risultati dimostrano che il meccanismo genetico funge da memoria di controllo centrale o sul consumo di energia nel corpo” concludono i ricercatori. Nell’attesa che i meccanismi di controllo genetico si perfezionino, per combattere l’obesità (una condizione che è l’anticamera di molte altre malattie come il diabete, l’ipertensione, l’infarto e l’ictus) non resta che seguire i classici consigli anti-fame, come gustare una centrifuga di spinaci, oppure evitare di bere bevande dolci e gassate, o anche adottare piccoli espedienti sul lavoro o per spostarsi in città.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here