Lenti a contatto: controlli da fare prima e durante l’uso

0
1268

CONTATTOFacili da reperire, pratiche da indossare e capaci di far dimenticare gli occhiali, specie se si fa sport o si vive dinamicamente all’aria aperta. Le lenti a contatto sono una comodità a cui sempre più persone ricorrono per correggere difetti della vista: si stima che 120 milioni di persone nel mondo ne facciano uso. In Italia due milioni e mezzo di persone le “indossano” quotidianamente. Tuttavia, non si tratta di una pratica immune da rischi, spesso poco conosciuti o sottovalutati. E non tutti vi possono fare ricorso.

COSA FARE PER SOSTITUIRE GLI OCCHIALI

La prima cosa da fare è sottoporsi a una visita di controllo preliminare da un oculista, per verificare di avere le caratteristiche giuste per farlo e per escludere la presenza di alcune patologie – dice Alberto Bellone, oculista specializzato in chirurgia refrattiva e microchirurgia oculare – Portare le lenti a contatto senza sapere nulla della propria cornea e del proprio occhio può portare al non riconoscimento di patologie pre-esistenti e fondamentale è sottoporsi a controlli periodici». Alcuni esami preliminari possono sono assolutamente indispensabili. «I principali sono la microscopia endoteliale con conta delle cellule, il test di Schirmer per verificare la lacrimazione e la topografia corneale – prosegue il dottor Bellone Quest’ultimo esame, fondamentale per la diagnosi di una malattia della cornea, deve essere eseguito nei centri specializzati da personale esperto in patologia corneale e serve a escludere la presenza di alcune patologie come il cheratocono. Il cheratocono è una malattia che può essere silente e la diagnosi precoce è determinante, in quanto oggi esiste una terapia in grado di guarirla: il cross linking corneale. Ripetere la topografia corneale nel tempo fornisce preziose informazioni sulla compatibilità della lente a contatto con l’occhio del paziente».

I DIVERSI TIPI DI LENTI A CONTATTO

Verificata l’idoneità del paziente, si tratta di scegliere il tipo di lente più adatto: ne esistono di morbide, rigide, semirigide, notturne e addirittura permanenti. Tra quelle morbide, poi, si può scegliere la durata, che va da giornaliera, a quindicinale/mensile, ad annuale. Il tipo di lente più adatto viene suggerito dall’oculista e dal contattologo (l’ottico specializzato nella correzione dei difetti di vista mediante l’uso di lenti a contatto) che tiene conto della conformazione dell’occhio, ma anche di alcuni fattori: quante ore si indossano al giorno e l’attenzione che si intende dedicare alla manutenzione e alla pulizia. «Le lenti a contatto portate quotidianamente per molte ore al giorno (12-15), possono far insorgere una serie di problemi anche piuttosto seri, in quanto l’occhio non ha la possibilità di “respirare” – afferma Bellone – La cornea, infatti, non è dotata di vasi sanguigni e per respirare ha bisogno dell’ossigeno presente nell’aria: la lente a contatto fa da tappo e impedisce il normale scambio metabolico con l’aria. Inoltre molte persone tendono a indossare le lenti la mattina quando si svegliano e a toglierle la sera: questo comportamento è assolutamente da evitare, bisogna prevedere qualche ora con gli occhiali ogni giorno e magari anche dei giorni interi di riposo».

L’IMPORTANZA DI UN’IGIENE ACCURATA

Ogni lente ha poi bisogno di una pulizia adeguata. «Quelle giornaliere necessitano di una manutenzione minima ma, di contro, sono realizzate con materiali di scarsa qualità – dice l’oculista – Le altre lenti, sia che abbiano durata quindicinale sia annuale, devono essere pulite ogni giorno con cura e maneggiate solo dopo essersi lavati accuratamente le mani. Quelle annuali, che hanno il vantaggio di essere fatte con materiali di qualità e su misura in base al raggio di curvatura del proprio occhio, devono però essere portate dall’ottico per un’adeguata sterilizzazione».

Una pulizia non corretta può portare a una serie di problematiche anche serie. Le ricerche epidemiologiche hanno evidenziato che vi sono 4 casi di infezione ogni 10.000 utilizzatori, nel caso di uso di lenti a contatto tradizionali e 20 in caso di uso di lenti in hydrogel ad uso giornaliero. «Le più diffuse sono le infezioni, quali congiuntiviti (batteriche, virali, da funghi o da parassiti), e che, se non diagnosticate per tempo, possono portare a danni corneali permanenti quali infezioni della cornea (cheratiti, ulcere corneali) che in casi ribelli alla terapia medica portano alla perdita della trasparenza della cornea e quindi la necessità di trapianto della stessa. Le lenti a contatto possono provocare anche la semplice intolleranza alle stesse che ne rende impossibile l’uso: essendo un corpo estraneo possono creare una specie di reazione di rigetto da parte dell’occhio. L’uso prolungato delle lenti a contatto provoca la perdita delle cellule endoteliali che, come un mosaico, tappezzano la parte interna della cornea: queste cellule sono alla nascita dell’individuo in un numero definito e non hanno la capacità di rigenerarsi. Queste cellule sono fondamentali per il metabolismo corneale e per la sua trasparenza».

LA REGOLA DEL SETTE

1) Fare delle visite oculistiche. Prima di mettere le lenti a contatto bisogna recarsi da un oculista a fare un controllo per verificare di avere le caratteristiche adatte e per escludere patologie. È bene eseguire visite di controllo una volta l’anno. 2) Sottoporsi a esami. È necessario che il portatore di lenti a contatto si sottoponga periodicamente a una serie di esami, tra cui la topografia corneale. Semplice e non invasivo, si esegue in centri specializzati in malattie della cornea con lo scopo di far emergere alcune patologie “silenti” dell’occhio. 3) Scegliere le lenti con un esperto. La lente giusta si decide insieme con l’oculista e con l’ottico specializzato in contattologia, che valutano la soluzione più adatta alle esigenze del paziente. 4) Non esagerare con l’uso. Le lenti a contatto sono così comode che a volte ci si scorda di averle e si tengono anche per 12-15 ore al giorno. Questo, a lungo andare, è dannoso perché limita l’ossigenazione della cornea. 5) L’igiene prima di tutto. Le lenti possono essere veicolo di infezioni anche molto serie, quindi non deve essere mai trascurata. La pulizia cambia in base alla lente. 6) Le possibili problematiche. L’uso non corretto delle lenti può portare a una serie di problemi più o meno gravi, che vanno dalle congiuntiviti alle alterazioni corneali o alle semplici intolleranze. I rischi possono essere danni alla cornea arrivando, nei casi più gravi, al trapianto. 7) La scelta permanente. Esistono delle particolari lenti a contatto permanenti, dette Lenti a Contatto Intraoculari, che si applicano chirurgicamente senza togliere il cristallino e che eliminano i problemi indotti da altri tipi di lenti a contatto, in quanto non appoggiano sulla cornea. È una soluzione in Italia poco conosciuta, alternativa al laser, che è praticata con successo in tutto il mondo da venti anni.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here