Insonnia, alcol e droga, stabilito il rapporto nei giovani

0
2027

SONNO.TARDISe i figli dormono poco o soffrono d’insonnia è bene curare questi disturbi: in futuro potrebbero sviluppare dipendenza da alcol, inclinazione verso le droghe ed abitudini sessuali a rischio. Lo rivela la ricerca condotta dalla prof.ssa Maria Wong della Idaho State University ISU che ha dimostrato la diretta correlazione tra insonnia o scarso sonno degli adolescenti e il successivo sviluppo in loro di problemi di alcol e di droga. QUI PUOI LEGGERE lo studio pubblicato sulla rivista “Alcoholism: Clinical & Experimental Research”.

INSONNIA PREDITTIVA E CATTIVE ABITUDINI

L‘insonnia e la difficoltà a dormire sono aspetti comuni tra i giovani americani, secondo Wong. Già in passato una ricerca aveva dimostrato che la scarsità di sonno negli adolescenti e nei giovani adulti, può predire un alto rischio di problemi di alcol e di uso di droga. Un nuovo studio ha scoperto che le difficoltà di sonno e la scarsità di ore di riposo possono predire una serie di problemi specifici, tra cui le frequenti ubriacature, la guida sotto l’influenza di alcool e comportamenti sessuali a rischio in un campione rappresentativo a livello nazionale.Sondaggi nazionali indicano che il 27 per cento dei bambini in età scolare e il 45 per cento degli adolescenti non dormono abbastanza,” ha detto Wong, professoressa e direttorrice della formazione sperimentale presso il Dipartimento di Psicologia ISU. “Altri studi hanno dimostrato che circa un adolescente su 10 ha difficoltà ad addormentarsi o a mantenere un sonno adeguato durante la notte negli ultimi 12 mesi.

Wong e i suoi co-autori hanno analizzato i dati raccolti tramite interviste e questionari di 6.504 adolescenti (52 per cento delle ragazze, il 48 per cento dei ragazzi) che partecipano al National Longitudinal Study of Adolescent Health. I dati sono stati raccolti in tre “tappe” – 1994/1995, 1996 e 2001/2002 – e gli autori dello studio hanno valutato le difficoltà nel sonno espresse nella “tappa” precedente per prevedere i problemi correlati all’uso di sostanze emersi nella tappa successiva, mentre il confronto sui problemi riscontrati sull’uso di droga e alcol sono stati fatti sulla tappa precedente . “Le difficoltà a dormire riscontrate nella la prima ondata di questionari hanno predetto significativamente problemi interpersonali alcol-correlati, il binge drinking, l’ubriacarsi di alcol, la guida sotto l’influenza di alcol, situazioni sessuali di cui pentirsi e l’utilizzo di droghe illecite emerse nella seconda tappa“, ha detto Wong. “I problemi correlati alle sostanze, il binge drinking, la guida in stato d’ubriachezza e i comportamenti sessuali a rischio, sono più importanti di altri a causa della loro associazione con la guida spericolata, gli incidenti automobilistici, le lesioni fisiche e persino la morte, così come il rischio di trasmissione sessuale di malattie e di gravidanze non pianificate”.

LE VALUTAZIONI SUI RISULTATI DELLA RICERCA

“Questo documento è importante in quanto avanza la nostra comprensione della relazione tra sonno e i problemi da uso di sostanze non solo nell’insonnia, cioè, LA difficoltà ad addormentarsi e/o a mantenere il sonno, ma anche a una quantità di ore di riposo insufficiente” aggiunge Tim Roehrs, direttore della ricerca presso lo Sleep Disorders and Research Center all’Henry Ford Hospital, e uno dei primi ricercatori a identificare l’insufficienza di sonno come un problema clinico nel 1990. Tra gli adulti normali, disturbi del sonno e insonnia hanno “annunciato” l’inizio del consumo di alcol, un anno dopo, e l’aumento del rischio di qualsiasi uso illecito di droga e il disturbo di nicotina-dipendenza 3,5 anni più tardi, ricorda Wong. Tra gli alcolisti adulti che hanno ricevuto il trattamento per la dipendenza da alcol, quelli con insonnia al basale avevano più probabilità di ricaduta al consumo di alcol.

L’associazione tra l’insonnia e l’uso di sostanze è stata trovata anche in gruppi più giovani. La “sovrafiacchezza” nell’infanzia ha predetto un’inferiore capacità di risposta nell’adolescenza e, nell’età adulta, all’uso di sostanze illecite. La maggior capacità di stancarsi nell’infanzia ha anche direttamente previsto la presenza di ubriacature (il cosiddetto binge drinking) e la guida dopo aver bevuto alcolici in giovane età adulta. Lo scopo di questo studio è stato quello di esaminare se le difficoltà di sonno e le ore di riposo sono in modo prospettico da mettere in relazione con i diversi gravi problemi correlati alle sostanze che comprendono il binge drinking, la guida sotto l’influenza di alcool e i comportamenti sessuali a rischio.

I vantaggi di un sonno ristoratore sono innumerevoli. QUI, per esempio, scopri il ruolo delle ossessioni come rivela uno studio statunitense. L’insonnia, specie quella del mattino, è poi IN QUESTO STUDIO è associata con conseguenze negative per la salute come l’obesità, il diabete e le malattie cardiovascolari.

Sia Wong che Roehrs ritengono che i genitori possono svolgere un ruolo importante per quanto riguarda le abitudini del sonno dei loro adolescenti. I genitori possono controllare il sonno degli adolescenti, aiutare i loro bambini a sviluppare una buona igiene, e parlare con loro circa l’importanza del sonno. Si suggerisce il ricorso a figure professionali in caso di persistenza di insonnia.  QUI potrete trovare consigli da parte di esperti sul come contrastare l’insonnia e recuperare il riposo perduto. Wong sta anche lavorando con il Portneuf Medical Center Dormire Clinic in Pocatello su uno studio diverso, cercando di ottenere misure più oggettive della qualità del sonno nei bambini da 8 a 12 anni per cercare di quantificare alcuni degli effetti negativi dell’insonnia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here