Disturbi del sonno e ipertensione, i nuovi riscontri clinici

0
2572

INSONNIA1I disturbi del sonno, soprattutto la difficoltà ad addormentarsi, possono essere associati alla pressione alta o all’ipertensione sanguigna, secondo un nuovo studio eseguito in Cina. Si tratta della ricerca dal titolo “Insomnia With Physiological Hyperarousal Is Associated With Hypertension” pubblicata sulla rivista “Hypertension”. “Si tratta del primo studio che riesce a dimostrare che certe persone afflitte dall’insonnia sono a rischio di pressione alta” sottolineano il medico Xiangdong Tang dell’Università del Sichuan in Cina coautore con il dr. Alexandros N. Vgontzas della Penn State University College of Medicine.

UN’INDAGINE SU 300 SOGGETTI CON DIFFICOLTA’ A DORMIRE

L’insonnia con una maggiore attenzione durante il giorno, o l’ipervigilanza, sono associate ad un aumento della secrezione di ormoni dello stress cronico, come il cortisolo, che possono portare a ipertensione, come sostengono gli autori che hanno studiato circa 300 adulti, tra cui più di 200 insonni cronici che avevano avuto difficoltà a dormire per almeno sei mesi. Tutti hanno trascorso una notte nel centro di Medicina del sonno del West China Hospital e sono stati sottoposti ad un test sonnolenza/vigilanza nel giorno successivo. Di notte, sono stati autorizzati a dormire come farebbero normalmente, con rumore, luce e stanza a temperatura controllata. Il giorno successivo, sono state offerte quattro occasioni di fare un pisolino di 20 minuti pisolino durante le 24 ore. I ricercatori hanno misurato la loro “latenza del sonno”, cioè, la quantità di tempo impiegato per i soggetti a scivolare nel sonno completo, se avessero potuto. I ricercatori hanno anche rilevato i loro valori della pressione sanguigna, la sera e la mattina.

RISCHIO IPERTENSIONE AUMENTATO DI TRE VOLTE

I normali “dormitori” non avevano probabilità maggiori di avere la pressione alta, anche se hanno avuto bisogno di più tempo per addormentarsi per un pisolino. Gli insonni cronici, invece, hanno impiegato più tempo per addormentarsi quando hanno cercato di godersi un pisolino durante il giorno, e sono cresciute le probabilità di pressione alta, anche dopo aver considerato nel test la loro età, il sesso, il peso e l’altezza, il diabete, e l’uso di alcol, tabacco e caffeina. “Rispetto ai normali dormitori che si sono addormentati in fretta, le persone con insonnia che hanno avuto bisogno di più di 14 minuti per addormentarsi durante il giorno avevano tre volte di più le probabilità di avere valori di pressione sanguigna alta o la diagnosi medica di ipertensione” riportano gli autori nella rivista Hypertension. Le persone che, invece, si sono addormentate in meno di 14 minuti, indipendentemente dal fatto che avessero l’insonnia, non avevano un aumento del rischio di alta pressione sanguigna. “Circa la metà degli insonni e un terzo dei normali dormitori hanno impiegato più di 14 minuti per addormentarsi durante il giorno” scrivono Tang e Vgontzas nella dichiarazioni. “Le persone che hanno difficoltà a dormire dovrebbero chiedere ai loro medici di misurare ed accertarsi dei loro valori di pressione sanguigna” segnalano.

“Gli insonni e coloro che hanno un sonno breve notturno o mostrano segni di iperattività diurna, sono a rischio di ipertensione” evidenziano gli autori. “Si tratta di fattori di rischio simili a chi fuma, soffre di l’obesità, iperlipidemia, etc.”

TENERE SEMPRE SOTTO CONTROLLO LA PRESSIONE

Gli Stati Uniti Preventive Services Task Force USPSTF raccomandano uno screening continuo per la pressione alta di tutti gli adulti di età superiore ai 18 ogni anni, a prescindere dal sonno. “Lo screening della pressione arteriosa riduce i danni” osserva Michel LeFevre, direttore dell’USPSTF . “Tuttavia, molte persone che hanno la pressione alta nello studio medico non ce l’hanno subito al di fuori dell’ambiente sanitario” insiste. “Fare la diagnosi di ipertensione basata solo su letture di studio può portare a trattamenti non necessari.”. Per questo motivo, le misurazioni della pressione devono essere ripetute fuori lo studio medico durante il corso della giornata prima di confermare l’alta pressione del sangue come ipertensione” sottolinea. “E’ consigliabile che la maggior parte delle persone che risultino ipertese si rivolgano ad esperti del sonno per addormentarsi più rapidamente” concludono Tang e Vgontzas.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here