Diagnosi di autismo, l’analisi olfattiva consente una valutazione precoce

0
2223

AUTISMO1I bambini con disturbi dello spettro autistico sembrano rispondere agli odori puzzolenti diversamente da quelli che non ne sono affetti. In uno studio recente la differente risposta pronunciata è stata sufficiente a fare in modo che i ricercatori potessero diagnosticare con esattezza chi avesse l’autismo e chi no in circa l’80 per cento dei casi solo sulla base delle “risposte olfattive”.

PROVE OLFATTIVE DETERMINANTI

Sono le considerazioni finali dello studio “A Mechanistic Link between Olfaction and Autism Spectrum Disorder” condotto da ricercatori israeliani e pubblicato sulla rivista Current Biology. “Gli autori hanno imboccato un nuovo percorso per testare le differenze tra i bambini con autismo e quelli senza che sembra effettivamente suggerire marcate diversità nel modo in cui i bambini autistici processano gli odori”, ha detto il dottor Glen Elliott, capo psichiatra e direttore medico del Consiglio salute dei bambini in Palo Alto, California.
Dal momento che sappiamo che molti bambini con autismo sono ipersensibili al tatto, suono, gusto e stimoli visivi, è particolarmente interessante il fatto che essi sembrano non essere sensibile all’odore nello stesso modo“, ha detto Elliott, che non ha partecipato alla ricerca .
Lo studio può contenere indizi sulle difficoltà sociali che i bambini con autismo hanno, suggeriscono gli autori.
“L’olfatto è infatti una componente importante di interazione sociale umana”, ha detto l’autore Liron Rozenkrantz, studente di un dottorato di ricerca presso il Weizmann Institute of Science in Israele. “Dato che l’olfatto è probabilmente alterato nell’autismo, questa specificità potrebbe essere una della sfida sociale nell’autismo?”.
I ricercatori hanno confrontato 18 bambini con disturbi dello spettro autistico con 18 bambini a sviluppo tipico. Tutti i bambini sono stati invitati ad annusare odori piacevoli e spiacevoli durante la visione di cartoni animati. Essi sono stati esposti 10 volte per gli odori piacevoli, come il rosa o shampoo profumi. Sono stati anche esposti 10 volte per gli odori sgradevoli, come latte acido o pesce marcio.
I ricercatori hanno misurato la “risposta olfattiva”. Includendo in questa valutazione quante volte ciascun bambino ha inspirato, il tasso di respirazione, il loro tasso medio di respiri e per quanto tempo ha annusato.
I ricercatori hanno trovato che i bambini senza autismo hanno cambiato il modo in cui annusavano i cattivi odori nel giro di 3 secondi, hanno preso molto rapidamente piccoli respiri dei cattivi odori e grandi “sniffate” degli odori dolci. I bambini con autismo, tuttavia, hanno continuato ad annusare senza alcuna modifica, lo studio ha rivelato.

UN RISULTATO IMPORTANTE PER LA DIAGNOSI PRECOCE

“Usando solo le risposte dei bambini ai cattivi odori, i ricercatori sono stati in grado di identificare 17 dei 18 bambini normali e 12 dei 18 bambini con autismo” segnala lo studio. “Ciò costituisce la speranza che questi risultati possano costituire la base per lo sviluppo di uno strumento diagnostico applicabile in tenera età, come ad esempio nei bambini solo di pochi mesi” specifica Rozenkrantz. “Il punto di forza di questa misura di sniffing in risposta agli odori è che non è verbale e non richiede istruzioni sul come fare, che è specificamente rilevante quando si studia l’autismo.
“C’è un forte sforzo per trovare un test semplice, non invasivo per identificare l’autismo nelle popolazioni più giovani”, ha detto Elliott. “Se i ricercatori potessero dimostrare che i neonati e i bambini piccoli hanno risposte simili, questo test sarebbe di notevole interesse.” Un altro risultato è stato che i bambini che hanno modificato al minimo il loro modo di annusare in presenza di odore di pesce marcio o di latte acido, erano anche quelli con i più gravi sintomi di autismo, in particolare in termini di difficoltà sociali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here