Effetti di una sbornia: uno studio rivela che i rimedi del giorno dopo…

Una ricerca condotta su oltre 1600 studenti dall'università di Utrecht (Paesi Bassi) fa il punto sulle tecniche per ridurre gli effetti della sbornia

0
310

Quante volte in occasione di una festa, di un matrimonio, di una serata speciale si è alzato il gomito oltre il consentito finendo dentro una sinora sbornia? E quante volte si è cercato un rimedio per tornare in forma già dalla mattina dopo per affrontare il capo o i clienti sul posto di lavoro? Rovistare nel frigo e bere l’acqua del rubinetto per cercare di “cancellare” dal corpo tutte le bevande alcoliche ingerite durante la serata, con la speranza di evitare gli effetti della sbornia del giorno dopo, sono pratiche da mettere ormai in cantina. Questa tecnica suggerita spesso da barman esperti non ha alcun effetto sul corpo. E’ la conclusione di uno studio condotto da un team di ricercatori canadesi e olandesi. “Bere meno alcol è l’unico modo efficace per evitare di avere una sbornia e la secchezza delle fauci che l’accompagna“, conclude lo studio, che è appena stato presentato alla conferenza presso l’European College of Neuropsychopharmacology di Amsterdam.

PIU’ DI 1.600 GIOVANI OLANDESI E CANADESI INTERVISTATI

Un estratto della ricerca si può consultare nell’articolo “Can you avoid hangovers after heavy drinking?” . Per giungere a questi risultati, gli scienziati hanno seguito un primo gruppo di 829 studenti olandesi. Hanno chiesto loro queli espedienti adottavano per alleviare i sintomi dell’ubriacatura dopo una serata alcolica per valutarne l’efficacia nella lotta contro la sbornia del giorno dopo. Più della metà degli studenti (54%) ha detto che aveva mangiato appena rientrati a casa al ritorno da una serata alcolica, in particolare cibi grassi o una ricca prima colazione, nella speranza di scongiurare l’effetto. Inoltre, più di due terzi hanno riferito di bere acqua potabile mentre consumava alcol e più della metà prima di andare a letto. Nel frattempo, i ricercatori canadesi hanno intervistato 789 studenti canadesi per conoscere le loro abitudini di consumo d’alcol rispetto al mese precedente.

UNA QUESTIONE DI DISIDRATAZIONE

Risultato, la maggior parte dei soggetti che ha bevuto acqua durante o dopo aver ingerito alcol ha riferito di aver percepito un lieve miglioramento della sua condizione fisica rispetto a coloro che non l’hanno fatto. Tuttavia, gli scienziati hanno trovato alcun miglioramento significativo della gravità della loro sbornia.
Un lavoro precedente ha dimostrato che un bevitore su quattro (25%) sostiene di non aver mai subito i sintomi di una sbornia dopo una serata fortemente alcolica. Tra gli studenti canadesi che hanno bevuto oltre il limite (più di 0,2 grammi per litro di sangue), nessuno di loro è stato immune dalla secchezza delle fauci il giorno dopo.
“Quanto più si beve, più le probabilità di avere una sbornia”, riassume il dottor Joris Verster dell’Università di Utrecht (Paesi Bassi). “L’acqua potabile può contribuire alla lotta contro la sete e la secchezza delle fauci, ma non ridurre i sintomi, come mal di testa o nausea”, dice l’autore.
“Il vero problema è che gli scienziati ancora non sanno che cosa causa i postumi di una sbornia”, afferma il dottor Verster. Precedenti ricerche hanno trovato che è principalmente dovuta a disidratazione, circostanza che notoriamente coinvolge il sistema immunitario, ma rimane chiaro perché questo la provochi. “E ‘quindi poco probabile che un giorno si trovi una cura efficace” sostiene il ricercatore.

Questa ricerca rivela che mangiare la pera coreana o berne il succo prima dell’assunzione di notevoli quantità di alcol, è un efficace antidoto alla sbornia. Dopo l’ubriacatura, invece, può essere utile disintossicare il fegato e l’organismo attraverso il consumo di queste tisane.

I costi individuali e sociali dell’abuso dell’alcol sono faraonici, ammonterebbero a oltre un centinaio di miliardi di euro ogni anno. E ‘quindi importante sapere come evitare una sbornia. Partendo dall’evitare di bere in eccesso.

L’UTILITA’ DELL’ALCOLTEST PORTATILE

Disporre di un test affidabile prima di mettersi alla guida è determinante per i conducenti professionisti (taxi, pullman turistici, mezzi pubblici, camion ecc) ma anche per ragazzi coscenziosi e padri di famiglia che non vogliono perdere il piacere di un bicchiere di vino da bene in compagnia. La sacrosanta rigorosità delle norme del Codice della Strada, impone che non si guidi con un tasso alcolico nel sangue superiore ai 0,5 g/l limite oltre il quale viene sanzionata la guida in stato d’ebbrezza. Le sanzioni sono crescenti a seconda della quantità di alcol riscontrata, come spiega bene QUESTA TABELLA dell’Aci: si può arrivare fino all’arresto per un anno e alla confisca del veicolo.  Ecco quindi che diventa essenziale di poter usufruire di un self test da effettuare prima di incappare in un possibile posto di blocco. Sono molti gli apparati con disponibili sul mercato. Il più economico tra gli alcoltest è il Set di 2 palloncini per alcoltest (conformi alla Norma francese NF): ovviamente ha il limite di poter essere usato una sola volta. Dotato di caricabatteria da auto e riconosciuto dalle organizzazioni sanitarie internazionali è l’Etilometro professionale per alcol-test, con omologazione DOT, NHTSA e FDA. Poco costoso e di facile funzionamento è il fenrad® Breath Polizia Digital Alcohol Tester Etilometro Misurazione del Tasso Alcolico(Display LCD)con Segnale Acustico con 5 Bocchino–Stile 2. Il più venduto nella categoria professionale dei trasportatori, infine, è il ETILOMETRO DIGITALE PORTATILE ALCOLINO KX2500, ROBUSTO E PRECISO! preferito non solo per la sua massima affidabilità ma anche per la robustezza e per la dotazione di un beccuccio a scomparsa che non ne richiede la sostituzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here