Fluorite o fluorina, attenzione agli incarti dei fast food

Ricerca statunitense rivela che gli incarti usati nei fast food contengono spesso sostanze pericolose per la salute

0
1442

Le sostanze fluorurate contenute negli imballaggi per alimenti venduti nei fast food sono dannose per la salute, stando a quanto emerge in uno studio americano.

UNO STUDIO SU 27 CATENE DI FAST FOOD

Attenzione agli incarti utilizzati per servire gli alimenti nei fast food

I problemi di salute causati dal consumo di alcuni alimenti sono noti, ma per quanto riguarda i rischi derivanti dal loro confezione a che punto siamo? La risposta arriva dallo studio “Fluorinated Compounds in U.S. Fast Food Packaging“ pubblicato sulla rivista Environmental Science and Technology letters eseguito sugli imballaggi contenenti i cibi presso le catene di fast food. La fluorite è un composto chimico utilizzato in particolare per rendere la moquette resistente e per impermeabilizzare alcuni capi di abbigliamento, le pentole e le padelle antiaderenti. Questa sostanza è nociva per la salute. Le principali conseguenze sono la riduzione della fertilità, problemi nello sviluppo nei bambini, problemi alla tiroide e aumento del rischio di cancro, avverte IN QUESTA PAGINA la statunitense Agency for toxic substances & disease registry.

Percentuale di fluorite o fluorina riscontrata negli incarti dei fast food

I ricercatori in questo studio hanno esaminato più di 400 modelli di imballaggio impiegati da 27 diverse catene di fast food americano. La metà degli imballaggi analizzati dagli studiosi (della Silent Spring Institute, Newton, Massachusetts, della California Department of Toxic Substances Control, Sacramento, della Green Science Policy Institute, Berkeley) contengono fluorite. Che si ritrova principalmente sugli incarti impermeabili al grasso e nei cartoni.

Il rischio è rappresentato dal fatto che la sostanza è a contatto con gli alimenti. “Questi prodotti sono stati associati con un gran numero di problemi della salute da differenti studi ed è quindi preoccupante che molte persone ci siano potenzialmente esposte”, avverte Laurel Schaider, un chimico presso l’Silent Spring Institute e autore dello studio. Se altre sostanze sono state introdotte per sostituire quelle nocive per l’uomo, la loro sicurezza non è stata ancora stabilita. “Questo è il motivo per cui dobbiamo ridurre l’uso di queste sostanze chimiche altamente fluorurate” avvisa Arlene Blum, un ricercatore presso il Green Science Policiy Institute anch’egli autore dello studio.

QUESTO E’ LO STUDIO pubblicato in lingua inglese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here