Antibiotici pericolosi: sospesa la vendita

Effetti indesiderati invalidanti e potenzialmente permanenti: sospesi diversi antibiotici pericolosi chinolonici e fluorochinolonici

0
2171

Dopo l’allarme lanciato sugli antibiotici pericolosi della categoria chinolonici e fluorochinolonici da parte del del comitato di Valutazione dei Rischi per la Farmacovigilanza (PRAC), il Comitato dei Medicinali per Uso Umano dell’EMA (CHMP) ha concluso che “le autorizzazioni all’immissione in commercio dei medicinali contenenti cinoxacina, flumechina, acido nalidissico e acido pipemidico devono essere sospese”.

Dopo questo allerta per invitare i sanitari a grande cautela nell’uso di antibiotici chinolonici e fluorochinolonici per la persistenza dei loro gravi effetti indesiderati relativi ai muscoli, alle articolazioni ed al sistema nervoso, è arrivata la sospensione della vendita di un primo gruppo di medicinali.

I nomi commerciali dei prodotti coinvolti nel blocco della vendita è il seguente: Uronorm (cinoxacina), flumechina, Uropimid, Urotracin, Pipemid (acido pipemidico) e Neg-Gram (acido nalidixico).

Restano sotto attenta osservazione ciprofloxacina (Ciproxin, Flociprin), enoxacina (Bactidan), levofloxacina (Levoxacin, Tavanic), lomefloxacina (Maxaquin), moxifloxacina (Avalox), norfloxacina (Noroxin), ofloxacina (Oflocin), pefloxacina (Peflox), prulifloxacina (Unidrox, Keraflox) e rufloxacina (Tebraxin) per i quali la raccomandazione è quella di “un uso ristretto”.

COSA POSSONO CAUSARE

L’EMA (European Madicines Agency) indica con precisione la casistica degli effetti indesiderati che possono generarsi dall’uso degli antibiotici sospesi: “includono tendini infiammati o lacerati, dolore o debolezza muscolare e dolore o gonfiore alle articolazioni, difficoltà a camminare, sensazione di spilli e aghi, bruciore, stanchezza, depressione, problemi di memoria, del sonno, della vista e dell’udito, alterazione del gusto e dell’olfatto”. Attenzione perchè “gonfiore e lesioni del tendine possono verificarsi entro 2 giorni dall’inizio del trattamento con un fluorochinolonico, ma possono anche verificarsi diversi mesi dopo l’interruzione del trattamento”.

Questa è la nota di sospensione della vendita diffusa dall’Ema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here