Diabete 1, ecco il pancreas artificiale

1
700

“Un pancreas artificiale sarà commercializzato entro la fine del 2017”: così scriveva saluteokay.com il 16 marzo 2016. Ebbene quella novità essenziale per la qualità della vita dei diabetici, adesso è una realtà. La FDA, l’organo regolatore dei farmaci e dei prodotti medicali negli Usa, ha approvato la commercializzazione di MiniMed 670G prodotto dalla Medtronic. Ed è la fine di un incubo per milioni di persone nel mondo. QUESTA E’ L’AUTORIZZAZIONE FDA per il MiniMed 670G. Nel frattempo è disponibile un apparecchio, il  Freestyle Freedom Lite Sistema di Monitoraggio della Glicemia.minimed

IPOGLICEMIA INCUBO DEI DIABETICI

L’annuncio a marzo 2016 di un “pancreas artificiale” in arrivo era stato dato dal francese Centre d’études et de recherche pour l’intensification du traitement du diabète (CERITD) in patnerariato con il Leti (istituto del CEA Tech).La gestione del diabete di tipo 1 ha ricevuto numerose innovazioni tecnologiche degli ultimi anni: pompe per l’iniezione di insulina (che sono in uso nel 18% dei pazienti francesi) e sensori di zucchero nel sangue, contribuiscono decisamente ad un miglioramento della cura. Le difficoltà rimangono, tuttavia, perché nonostante l’esistenza di alcune “applicazioni”, l’interpretazione dei risultati dei sensori di glucosio nel sangue resta a carico dei pazienti. “Siamo costantemente attenti a evitare di cadere in ipoglicemia. In una nostra indagine possiamo vedere che accade ancora spesso: almeno cinque volte a settimana per il 25% degli intervistati e per quattro volte a settimana per il 15% ” segnala al quotidiano Le Figaro il presidente della Fédération française des diabétiques, Gerard Raymond .

Per soddisfare le aspettative dei pazienti, diversi progetti sono stati finalizzati allo sviluppo di un pancreas artificiale fin dagli anni ’70; all’epoca, il primo prototipo era delle dimensioni di un frigorifero e rilasciava insulina per via endovenosa. L’evoluzione della tecnologia e della miniaturizzazione hanno portato ai molto più promettenti sistemi di oggi e più dispositivi vengono testati nel mondo anche al di fuori del contesto ospedaliero. Tuttavia, nessun pancreas artificiale è ancora sul mercato. DIABELOOP

AVVIATO UN PROTOCOLLO CON 130 DIABETICI

Tra i progetti in corso di valutazione oggi, c’è il sistema francese Diabeloop. Questo pancreas artificiale è il risultato di un progetto avviato nel 2011 dal Centro Studi e Ricerche CERITD in collaborazione con Leti. Dopo più che incoraggianti primi passi, lo start up Diabeloop è stato creato pochi anni dopo. Oggi per  Diabeloop sono iniziate le prime sperimentazioni cliniche al di fuori dell’ospedale. Il dispositivo, presentato come “un trattamento elettronico del diabete” è costituito da “un misuratore di glucosio continuo Dexcom bloccato sulla pancia” e da una pompa di insulina di tipo cerotto Cellnovo “bloccata sul braccio”. I due dispositivi comunicano tramite uno smartphone, strumento collegato tramite Bluetooth.  Il software utilizzato ha un “algoritmo complesso, personalizzato, in grado di determinare le dosi di insulina sulla base della storia e della fisiologia di ciascun paziente” riferisce uno dei progettisti Diabeloop. Secondo i calcoli effettuati, il sistema può “ordinare” la somministrazione dell’insulina. Pur essendo un sistema a circuito chiuso, che evita i numerosi test giornalieri, rimane comunque importante l’intervento del paziente. “Il nostro sistema permette di evitare le punture e richiede solo una semplice dichiarazione per il paziente, come ad esempio”mangio“o”sto facendo una attività fisica“. E il pancreas artificiale fa il resto. Il paziente viene sollevato dal peso psicologico della sua malattia “, afferma Erik Hunecker, co-fondatore di Diabeloop. Il sistema, inoltre, è costantemente collegato a un servizio di telemedicina.

Questo pancreas artificiale francese è stato oggetto di una fase di test in cui quindici pazienti lo hanno utilizzato negli ospedali. Oggi inizia un vero e proprio programma di vita che coinvolgerà dieci diverse modalità di test:  da pazienti che soggiornano presso l’hotel e che ricevono pasti regolari a soggetti che praticano sforzi strenui a volontari nella loro vita quotidiana. Insomma, il protocollo di sperimentazione prevede di prendere in considerazione le situazioni più svariate. Più di 130 pazienti sono inseriti nel protocollo. L’obiettivo è di ottenere un marchio CE per la commercializzazione di Diabeloop entro la fine del 2017.

GLI STATUNITENSI PRIMI SUI FRANCESI

Prima dei francesi, però, il 28 settembre 2016 sono arrivati gli statunitensi (negli Usa i CDC indicano una quota di diabetici di tipo 1 pari al 5% della popolazione) della Medtronic (multinazionale con sede a Minneapolis)  con il loro MiniMed 670G, primo device in grado di somministrare automaticamente la dose giusta di insulina ai pazienti con diabete di tipo 1, evitando il continuo monitoraggio dei livelli di ormone durante il giorno. Il device è autorizzato per malati dai 14 anni d’età in su. L’azienda sta organizzando la rete distributiva e il prodotto dovrebbe essere disponibile in commercio nella primavera del 2017. Nel frattempo è disponibile un apparecchio molto simile QUI DESCRITTO che PUOI COMPRARE DIRETTAMENTE Freestyle Freedom Lite Sistema di Monitoraggio della Glicemia.

1 COMMENT

  1. “Il nostro sistema permette di evitare le punture (abitudine!) e richiede solo una semplice dichiarazione per il paziente, come ad esempio”mangio“o”sto facendo una attività fisica“. E il pancreas artificiale fa il resto (addio contiiii!). Il paziente viene sollevato dal peso psicologico della sua malattia “ magariiiiiii

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here