Aids, nuova cura guarisce un paziente in Gran Bretagna

0
926

Aids, in Inghilterra si sarebbe riusciti a guarire un malato. Il condizionale è d’obbligo perché a darne notizia non è il mondo scientifico ma due articoli di giornali britannici, il Telegraph ed il Sunday Times. Le testate sono storiche e quindi molto affidabili ma perché si possano alimentare speranze  bisogna che vengano pubblicati gli studi di riferimento e si pronunci il mondo accademico. Sappiamo anche che le aspettative delle aziende farmaceutiche per un business dai numeri colossali, fanno sì che le sperimentazioni siano condotte nel massimo riservo per evitare fughe di notizie.

GUARIGIONE FRUTTO DI UN’AZIONE COMBINATA

A dare concrete speranze è il fatto che, secondo i report dei giornali, si sia già in fase di sperimentazione clinica. La prima persona al mondo ad essere curata del virus dell’AIDS sarebbe un cittadino inglese di 44 anni tra i 50 partecipanti di un test terapeutico sviluppato da un team di scienziati provenienti da cinque università del Regno Unito: Oxford, Cambridge, Imperial College di Londra, University College di Londra e King College di Londra. aids-5

Gli studiosi hanno dichiarato in un’intervista al Sunday Times che il virus dopo il trattamento non è più rilevabile nel sangue del paziente. Se i risultati saranno confermati nel corso del tempo, si disporrà presto del primo trattamento per la cura dell’infezione indotta dall’HIV.

QUESTO TEST, creato dalla società Bio Sure UK , è disponibile su Internet: Test autodiagnostico BioSURE per l’HIV, con marchio CEconsente di ottenere un risultato in 15 minuti, senza la necessità di un laboratorio, con indice di affidabilità pari al 99,7%.

Secondo il Telegraph, la nuova terapia funziona in due fasi. Prima di tutto, un vaccino aiuta il corpo a riconoscere le cellule infettate con HIV in modo che possa rimuoverle. In secondo luogo, un nuovo farmaco chiamato Vorinostat, attiva le cellule dormienti in ​​modo che possano essere identificate dal sistema immunitario. E’ bene ricordare, infatti, questo trattamento colpisce la malattia nella sua fase inattiva.

L’HIV, il virus dell’AIDS, è particolarmente difficile da trattare perché indebolisce il sistema immunitario del corpo umano. Prendendo cellule di controllo che coordinano il sistema immunitario, le distrugge dall’interno. La tripla terapia antiretrovirale, ovvero i trattamenti oggi disponibili QUI DESCRITTI e anche in FASE DI RICERCA, colpiscono l’infezione senza però identificare e raggiungere quelle cellule infettate in stato di riposo.

QUESTO E’ L’ARTICOLO del Telegraph e QUESTO è del Sunday Times

IL PRESERVATIVO RESTA LA MIGLIOR PROFILASSI

In attesa delle prove definitive della terapia innovativa, l’uso del profilattico nei rapporti sessuali rappresenta tuttora la miglio prevenzione contro il rischio di contagio dell’Hiv. Anche perchè preserva dalle altre infezioni sessualmente trasmesse COME SPIEGA QUESTO ARTICOLO. Il mercato offre una vasta scelta per sensibilità, forma e anche gusto orale di profilattici. Questa confezione72 PROFILATTICI PRESERVATIVI DUREX PLEASURE MAX STIMOLANTI PLEASUREMAX … si caratterizza per la capacità di stimolare la patner. Questo tipo classico Durex Elite Preservativi x 72 è interessante per il rapporto qualità/prezzo. L’economicità è il punto forte invece di questo pacchetto PASANTE PROFILATTICI EXTRA SENSITIVE 144 PEZZI. Per le patner più esigenti si suggerisce il TouchÚ – Profilattici stimolanti per lei o il toy riutilizzabile Double pleasure – Profilattici con sextoy.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here