Cataratta eliminata con un collirio: negli Usa c’è chi lo impiega pure se è per cani e gatti

In attesa che siano completati gli studi clinici sui pazienti, negli USA dilaga l’uso del collirio che dissolve la cataratta venduto per i cani e per i gatti. Una pratica che evita l’intervento chirurgico e che spinge tante persone a provare con il prodotto veterinario al punto che l’azienda farmaceutica produttrice ha dedicato una propria pagina del sito per specificare che, anche se non pericolosa, quella pratica è sconsigliata.

EFFICACIA PROVATA IN LABORATORIO E SUGLI ANIMALI

cataratta

In attesa del collirio anti-cataratta per gli essere umani, negli USA si impiega quello per cani e gatti

Ma procediamo con ordine. Come spiega QUESTO ARTICOLO, un team di studiosi cinesi presso l’università di San Diego in California ha comunicato a luglio 2015 di aver sviluppato un nuovissimo trattamento che, sul piano sperimentale, ha già prodotto importanti risultati per evitare l’intervento oculistico per rimuovere la cataratta. Si tratta di un collirio a base di un nuovo principio attivo, il Lanosterolo. Quella sostanza disciolta nel collirio dissolve le proteine​​responsabili della opacità del cristallino ottenendo il ripristino della sua trasparenza e di limitare gli effetti della cataratta. L’efficacia è stata dimostrata in vitro sulle cataratte dei conigli e in vivo sui cani.

Per ottenere l’approvazione della FDA, e quindi l’immissione sul mercato del collirio a base di Lanosterolo, devono essere superati una serie di trial clinici e di test che sono ancora in corso. Ben diverso, invece, è l’iter per l’uso di farmaci su animali: i prodotti non devono essere sottoposti all’approvazione dell’FDA e non hanno bisogno di prescrizione medica.

LA VENDITA ONLINE E DAI VETERINARI

Così il collirio a base di Lanosterolo è già in vendita da tempo negli Usa sotto il nome commerciale Lanomax, prodotto nella cittadina californiana di Brea. Il suo impiego è destinato a cani e gatti che soffrono di cataratta ma c’è chi, su diversi forum di discussione medica, non nasconde di utilizzarlo per i propri problemi e quindi su esseri umani. Al momento non sono emerse controindicazioni se non quella che il dosaggio del collirio Lanomax per gli animali domestici è minore rispetto  quello che sarà immesso sul mercato al termine dell’iter autoriozzativo.

Così sul sito dell’azienda che produce e vende (anche direttamente) il Lanomax è stata inserita una pagina di risposte alle domande che più spesso vengono rivolte sull’impiego del collirio. NON VIENE SEGNALATO CHE FACCIA MALE agli esseri umani. Ecco i questi più frequenti e le rispettive risposte.

Posso usare Lanomax® per la cataratta umana?

Attualmente Lanomax® può essere utilizzato per la cataratta degli animali domestici, ma sarà disponibile anche per la cataratta umana nel prossimo futuro”.

Per l’impiego di Lanomax® c’è l’obbligo di una prescrizione medica o comunque va effettuata sotto controllo medico?

“Lanomax® è venduto in un dosaggio sicurezza, a basso dosaggio, che può essere somministrato senza prescrizione medica”.

Lanomax® è approvato dalla FDA?

Come integratore collirio per cani e gatti, la distribuzione e l’uso di Lanomax® non sono regolati direttamente dalla FDA, né richiede una prescrizione per essere ordinato. Lanomax® è in un profilo di adempimento volontario di tutte le normative vigenti della FDA, ed è prodotto in una struttura farmaceutica statunitense regolarmente autorizzata. Ogni ingrediente in Lanomax® è stato accuratamente testato per i profili di sicurezza e di efficacia”.

Dove viene prodotto Lanomax®?

Il nostro Lanomax® è prodotto e imbottigliato in un impianto approvato dalla FDA, certificata-GMP (Good Manufacturing Practices), in U.S.A”.

Lanomax® è disponibile nel mio Paese?

Attualmente possiamo spedire Lanomax® alla maggior parte dei paesi. Se non siete sicuri circa il fatto che le regole doganali del vostro paese permettano l’importazione di Lanomax®, non esitate a contattarci prima di ordinare”.

ECCO LA PAGINA delle domande più frequenti nel sito della Lanomax. E’ bene ricordare che l‘American Academy of Ophthalmology ha stilato QUESTO VADEMECUM per conoscere quali alimenti proteggono gli occhi e quali abitudini li danneggino. Dal Kings College di Londra si segnala QUESTO STUDIO per il quale la vitamina C avrebbe un ruolo protettivo contro la cataratta.

Se ti è piaciuto Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on LinkedInShare on Tumblr

4 Responses

  1. carolina ha detto:

    come faccio a comprare le gocce?

  2. Maurizio ha detto:

    e per il cane come si fa a comprarlo?

  3. Alfredo ha detto:

    Gentili signori, ma questa “miracolosa” cura per i propri animali come è possibile che giunga alla nostra (Italia) portata ?? Avete un sito online in cui è possibile farne acquisto ?? (Gradita anche risposta nella mia email : alsulas@alice.it). In Italia (pubblicamente intendo) finiremo ai “tempi biblici”. Grazie per la Vostra eventuale risposta…Alfredo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.